“Casanova Opera Pop” di Red Canzian si avvicina a Torino con una vetrina

TORINO. Una vetrina all’aperto sotto il grattacielo di Intesa Sanpaolo a Torino con gli attori, le canzoni ei costumi del suo musical “Casanova opera pop”, regalando un assaggio delle atmosfere della Venezia setecentesca. Così Red Canzian è tornato al pubblico di Torino, l’ultima volta che è stato aperto, e alla banca che ha sostenuto la produzione: «Quest’opera – ha ucciso il cantante e bassista dei Pooh – è stata crema dopo aver letto il libro di Matteo Strukul , “La sonata dei cuori infranti”, dove oltre alla storia più conosciuta di Casanova, in cui appare solo come un libertino impenitente, ci sono tante altre cose como l’political intrigo, l’amore, l’amicizia, i duelli, tutte cucino quel tondo epico e forte narrazione.
Un lavoro di quasi 3 anni che è riuscito più bello di quanto mi aspettassi. Intesa Sanpaolo è stata il vero patrona di questo lavoro con una mentalità molto artistica e aperta, ed è grazie a loro se siamo riusciti ad andare en scena».
Il primo spettacolo in scena dopo la riapertura dei palcoscenici
“Casanova opera pop” è il primo spettacolo di teatro musicale in scena all’inaugurazione del teatro: «Sono stati 30 bellissimi spettacoli – ha proseguito Canzian – La critica favolosa perchè parla di questo spettacolo come di un colossal, il primo produzione italiana. Spero di portarlo nel mondo».
Tuto esaurito
Lo spettacolo ha registrato l’intero esaurito a Venezia ed un numeroso repliche nel teatro italiano, ed è supportato da Intesa Sanpaolo che, con il suo programma Premi, ha allestito la vetrina. «Quando un anno non avevamo contratto Red Canzian – ha affermato Andrea Lecce Direttore Esecutivo Impact Bank di Intesa – eravamo nel periodo più difficile del Covid e pensavamo a quanto soffrivamo e ai lavoratori dello spettacolo abbiamo deciso di intraprendere delle iniziative che sostenessero questo settore. Si tratta di un’opera pop, un inno alla musica, all’amore, a città bellissima come Venezia».
Gli interpretò
Casanova è interpretato da Gian Marco Schiaretti: «Il progetto è una forza della natura e studia alla perfezione in questi 3 anni – ha detto – è un magnifico stato esibirsi in questa cornice con le persone così interessate a sapere di più di questo spettacolo» . Angelica Cinquantini, invece, interpreta Francesca Erizzo: «È una donna che vive in un contesto che non sostiene – ha spiegato – bene quando non si trova Casanova di cui si innamorerà e diventerà una donna libera e indipendente». La prima tappa del musical si concluderà il 13 marzo a Torino, al teatro Alfieri.

Add Comment