8 marzo: libri, ebook speciali e podcast per le sfide delle donne

«Tre donne, tre istituzioni, un unico obiettivo: guiderò la ripresa dell’Europa!». Lo ha scritto sul suo Twitter appena sette giorni dopo che la presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen aveva avuto un disaccordo con la presidente del Parlamento europeo Roberta Metsola e la Banca centrale europea Christine Lagarde. Oggi queste tre donne e queste tre istituzioni si trovano ad affrontare ben di che più l’ondulazione economica post-pandemia. In tempo di guerra dei questi giorni von der Leyen, è sempre in prima linea e guida l’Unione Europea in uno dei momenti più critici della sua storia. Un’immagina quella delle tre Capo impensabile solo un decennio fa.

Se in Europa donne stanno via ricoprendo ruoli di rilievo anche in politica e agli ivertici delle istituzioni, in Italia il cambiamento è più lento e non può essere sfuggito, anche in occasione dell’elezione del Presidente della Repubblica, Vorrei discuterne ‘Ipotesi di poter prendere in considerazione una candidatura femminile. Una cartina tornasole di una società ancorata all’evoluzione verso una parità di genere che è quella a venire. Per questo diventa fondamentale fare il punto della situazione ogni 8 marzo: per capire quanta strada abbiamo fatto, le cose cambiano e le cose restano ancorate a conquistare. Non più come rivalsa, ma come naturale evoluzione di un mondo che può crescere in modo sostenibile, non solo dal punto di vista sociale, solo con pari opportunità di sviluppare il talento reciproco. I Riconoscono ormai le istituzioni e al finanziario ed economico investitori e aziende.

Il Gruppo 24 Pray seguirà e riporterà la testimonianza quotidiana di questo divenire sulle pagine del quotidiano, nella trasmissione di Radio 24 e nel lancio dell’agenzia di Radiocor, anche con iniziative speciali scansionate nel corso dell’anno per specifici stanziamenti. L’8 marzo ci sarà l’occasione per tornare a parlare di economia, non tanto per la differenza e la percentuale di presenza delle donne nel loro mestiere, nella loro dirigenza, nella vita della stampa e delle istituzioni, quante chiavi nel capire quali saranno le opportunità che avremo di fronte nei prossimi anni anche grazie ai capitali chearriveranno en el nostro Paese grazie al Pnrr.

Il tema sarà dedicato a uno speciale di quattro pagine della giornata, che cercherà di tratteggiare il quadro dei possibili sviluppi dell’occupazione, della carriera e dell’imprenditoria per le donne. I maggiori investimenti arriveranno nei settori coinvolti nella transizione digitale e nella transizione ecologica, che oggi presentano percentuali di presenze ancora troppo basse. Naturalmente il problema parte dalla scuola, dà la formazione e la guida di Giovanni affinché sia ​​un’inchiesta nel mondo universitario per cercherà di illustrare le risposte messe in campo dai singoli atenei per incentivare le ragazze a scegliere i percorsi tecnico Scientifici . Non solo perché in Italia mancano laureado in materie Stem (Scienza, tecnologia, ingegneria e matematica), ma anche nel nostro Paese la percentuale mondiale di Paesi laureati è bassa rispetto agli altri Paesi europei, sia nel gestione non mancano solo le donne ei giovani, ma anche directi che hanno un’istruzion university. uno vantaggio competitivo rispetto al resto d’Europa che non abbiamo la possibilità di permettere il fronte a tutte le sfide della ripresa economica che dobbiamo affrontare. Sfide per cui sarà necessaria innovazione non solo nei prodotti e nei servizi, ma anche nell’organizaizzazione del lavoro, nel modello di comando, nella centralità della sostenibilità. E per innovare l’inclusione della diversità è il modo più veloce, poiché mostriamo nuovi studi internazionali. La diversificazione è anche la peculiarità dell’imprenditoria femminile in Italia, che vede crescere la componente femminile sfondo migratorio che fondano aziende e avviare.

Temevo che i quotidiani fossero approfonditi in a fascicolo in linea sul sito del Sole 24 Ore dal titolo “Le sfide delle donne”, in cui saranno approfondite analisi su settori specifici e iniziative anche di livello internazionale per valorizzare i talenti femminili, come quella del Consolato Italiano a Los Angeles che con un video-documentario celebra le italiane che sì suono diverso Oltreoceano. Non solo. Se si affronta il tema degli stereotipi tradizionali perpetrati dall’intelligenza artificiale a causa della mancanza di donne nella ricerca tecnologica e digitale; della carriera crescent delle donne fra tv, piattaforme trasmissione e industria cinematografica; delle eccellenze dei campioni sportivi Capo non solo in gara ma sempre più alche nelle istituzioni. Allo stesso tempo testimonianze, casi aziendali e storie saranno le caratteri delle pubblicazioni di Alley Oop – L’altra metà del Sole, il blog multifirma lì dedicato diversità.

Add Comment