Quali altri libri di Roald Dahl vorremmo vedere al cinema o in tv? – Cablato

Attenti attenti al bosco stregato: tanti ci entrao e nessuno è tornato“: questa è la rima che ho imparato io minipinil libro postumo pubblicato nel 1991 (un anno dopo la sua morte, cinque anni) ed è arrivato in Italia solo un anno grazie a Salani, che pubblica anche tutte le altre opere dello scrittore. Al centro della fantasmagoria troviamo la ricerca Club, a ragazzo la cui madre gli di fare un sacco di cose fra cui aptunto entra nel bosco. Eppure il ragazzino è fortemente appassionato da tutto ciò che accade in quel luogo misterioso, popolato da creature dai nomi insoliti come Policorni, Sfarabocchi, Cnidi Vermicolosi e Sarcopedonti (tutti già nominati, ad esempio, ne La fabbrica di cioccolato). Mosso da estrema curiosità, Billy, se si avventura nei boschi, viene improvvisamente inseguito dallo Sputacchione Succiasangue Tritadenti Sparasassi e se salva da solo, mangia da solo, complice un imprevisto. Questa è l’ultima incursione di Dahl nel mondo della fantasia, un po’ un compendio anche del suo solito tema, dai bambini che si cacciano nei guai alla curiosità come ogni cosa primo motore. Sarebbe interessante vederlo trasportato in un’ONU film animatoDegno omaggio a una mente grande e anche un po’ inquietante come la sua.

Quattro.storia imprevista

Add Comment