i 5 libri consigliati da Bill Gates per le feste di Natale

“Ultimamente mi sono sentito più attratto dai tipi di libri che avrei adorato da bambino”, ha detto Bill Gates la sua PorteNote, il blog personale dove condivide consigli, commenti e spunti delle sue leture. Per chi non lo sapesse, Gates è un vorace letore sin da quando era bambino. La sua passione per la lettura è così grande che a un certo punto i genitori non hanno dovuto istituire qualche regola: “Leggeva così che io e la madre di Bill abbiamo dovuto istituire una regola: niente libri a tavola” ha detto a Forbes Il padre di Gates, Bill Gates Sr, nel 2016.

Con l’avvicinarsi della stagione del Natale il fondatore di Microsoft ha pubblicato, come ogni anno, l’elenco dei Libro dei 5 millisecondi del 2021. “Il mio elenco di letture di quest’anno include due fantastiche storie di fantasia. Uno se sono passati quasi 12 anni dalla distanza dal nostro Sole e l’altro è l’ambiente negli Stati Uniti, ma non sono fatto thinke come la persona può usare la tecnologia per rispondere alle sfide” continua Gates. Tra le letture non può mancare la sagico, che ha sempre occupato una fetta importante del suo cast annuale di preferenza. E infine un Romanzache ha il permesso di conservare “le figure più famose della storia sotto una nuova luce”.

Ecco la lista delle 5 migliori letture secondo Bill Gates.

Mille cervelli: una nuova teoria dell’intelligenza, di Jeff Hawkins

Questo libro del co-inventore del PalmPilot – descritto da Gates come “uno dei pionieri del mobile computing” – propone una nuova teoria dell’intelligenza tornata a favorire lo sviluppo della cosiddetta “intelligenza generale” nella macchina, ovvero l’ipotetica capacità della macchina capirò il mondo come gli umani. Gates loda il libro per il suo approccio rinfrescante (“appropiato per i non esperti”) a un argomento che, secondo lui, alla fine “ci aiuterà ad affrontare sfide davvero complesse e sfaccettate come il miglioramento della medicina”. C’è anche un legame personale. Gates ha detto che sarebbe “mantenuto impotente” poiché suo padre ha rifiutato a causa dell’Alzheimer, un’esperienza che secondo lui è stata accuratamente confermata da quanto non avesse un’ancora del cervello umano.

di Walter Isaacson

Second Gates, l’ultimo libro del biografo di Steve Jobs, Albert Einstein e Benjamin Franklin è “molto vecchio” con un semplice ritratto di Jennifer Doudna, la scienziata vincitrice del Premio Nobel che ha contribuito alla stesura dell’editing genetico CRISPR. È uno che protegge la profondità e la stimolazione della sua tecnologia, il che rende più facile alterare la scienza e il genoma umano e di altro tipo, le sue attuali applicazioni e “le domande più importanti sulla rivoluzione CRISPR”. Il finanziatore Microsoft afferma che la sua selezione personale da parte di CRISPR sta “crescendo super in classifica” negli ultimi anni, ma sottolinea che il pubblico dovrebbe “svolgere un reolo impegnato nel tracciare le linee etiche” di como dovrebbe essere usato.

Klara e il sole, di Kazuo Ishiguro

La storia fittizia di un robot che fornisce compagnia a una ragazza malata, Gates si è detto interessato a questo libro per la sua strana descrizione di “un futuro in cui il mio robot migliorano le nostre vite”. Ambientato in una società distopica in cui i bambini sono geneticamente modificati dalla loro intellighenzia e finanzieri per vivere un’esistenza in gran parte isolata, Klara and the Sun è incentrato su una giovane ragazza, Josie, se la ama per via della procedura rischiosa. Trova conforta in un “amico artificiale” che spesso offusca e confina un robot e un essere umano. “Finché avrò letto il libro, non sarò in grado di farlo a meno che non penso a quale sarà probabilmente la parte del mio futuro”, afferma Gates, aggiungendo che crede che “un grande robot sia l’azienda che ci usa nel nostro vite.”

Hamnet, di Maggie O’Farrell

Un’altra opera di finzione, seppur vagamente legata ad eventi della vita reale, questo libro immagina la vita della figura di William Shakespeare, Hamnet, e come la sua tragica morte all’età di 11 anni possa aver una pratica delle sue commedie più celebri. Amleto è stato scritto appena due anni dopo la morte del ragazzo, che O’Farrell coglie per tessere ciò che Gates applaude come una “commovente intuizione di come Shakespeare fosse incanalato il suo dolore e il suo senso di colpa nella scrittura”. Autoproclamatosi “fan” di Shakespeare, Gates afferma di essere sempre desideroso di esplorare la vita personale notoriamente opaca del drammaturgo, anche se si tratta solo di speculazioni.

Progetto Ave Mariadi Andy Weir

Una scelta più spensierata, questo nuovo libro dell’autore de Il marziano racconta la storia di un bandito della scienza del liceo che viene associato a un simpatico alieno per salvare il sistema solare da un microrganismo che mangia il sole. per non sia estattamente Scientifico – Gates ammette “le probabilità che ci sia un’altra senziente specie relativamente vicina sembrano basse” – il millenario dice che trova “eccitante penserò a quale altra vita potrebbe esserci là fuori”. Consiglia il racconto di fantasia a “chiunque abbia voglia di un divertente divertente” e nota de finito in un fine diciassette anni.

Per altri contenuti iscriviti alla newsletter di Forbes.it Iscriviti

Add Comment