il racconto dell’ultimo film di Marilyn Monroe, dal set maledetto alla scena del nodo

Dopo la recente rivelazione del vero padre di Marilyn Monroe, torniamo a parlare dell’attrice più famosa della storia del cinema, raccontando quello che ha tristemente notato come il suo ultimo film, I disadattati di John Houston.

Conosciuto in Italia anche con titolo gli spostati, L’ultimo film di Marilyn Monroe è considerato un film ‘maledetto’ A causa della fama a dir poco disastrosa che ha raccolto negli anni successivi alla sua uscita. Secondo alcune fonti, che ormai si confondono tra la realtà e la leggenda, le riprese ebbero luogo è un antico cimitero indiano ei più fantasiosi en el corso degli anni non hanno mancato di tenere ne raccontano lanciando le diversity traversie che se verificarono il loro set durante le riprese e soprattutto dopo, un film ultimato, nel 1961.

Ad esempio il co-protagonista di Marilyn Monroe, Clark boomuna leggenda del grande schermo conosciuto da tutti per il ruolo di Rhett Butler in via col vento, Sono morto per un attacco di cuore 10 giorni la fine delle riprese, un 59enne. Montgomery Clift, l’altro protagonista del film, non sapeva di aver riscontrato un successo a seguito del resto della sua carriera, che ha riferito Sarebbe durato un sacco di pochi dati che anche lui morì giovane, nel 1966, a soli 46 anni. Per non parlare ovviamente della stessa Marilyn Monroe, ritrovata morta per overdose di barbiturici circa un anno dopo l’uscita del film.

Dopo la morte dell’attrice, tra l’altro, si inizia a parlare di una La scena del nodo segreto di Marilyn Monroe I disadattati, scena voluta da John Huston ma rimosso perché troppo scandalosa per l’época (e successivamente perché ritenuta superflua dal regista). Per anni l’esistenza di questa scena fu messa in dubbio dagli storici, ma nel 2018 sarà effettivamente rinnovato dallo scrittore Charles Casillo, che stava facendo delle ricerche per un libro sulla Monroe. Oggi è premuroso la prima scena del nodo di una star in un film prodotto regala una major hollywoodiana (the United Artists), o almeno sarebbe diventata è fosse stata inserita nel montaggio finale del film.

I disadattati – o gli spostati – fa rima con l’ultimo film di Marilyn Monroe. Dopo il western di John Houston l’attrice aveva iniziato le riprese di qualcosa deve dare di George Cukor (perché ha girato un’altra famosa scena del nodo, che era a bordo piscina) che per questo era sempre incompiuta sua prematura scomparsa soli trentasei anni.

Nel frattempo ecco tutto quello che sappiamo su Blonde, il nuovo film di Andrew Dominik con Ana de Armas nei panni di Marilyn Monroe in anteprima nel 2022 su Netflix.

Add Comment