“Più libri, più liberi:” 90mila presenze per la ventesima edizione della bestia

Chiude con oltre 90mila presenze e più di 1200 gli ospiti italiani e internazionali “Più libri più liberi” di Roma, tornata in presenza e per il suo ventennale ha messo a segno “unovo grande successo”, commentano soddisfatti gli organizzatori: high affluenza, eventi esaurito e venduto in crescita. Nonostante l’attuale delicata situazione sanitaria, il pubblico non è sicuro di essere scoraggiato e ha confermato passione ed entusiasmo per la Fiera Nazionale della Piccola e Media editoria, organizzata dall’Associazione Italiana editori (Aie) e hospitata nella Nuvola dell’Eur (530 espositori hanno distribuito i loro altri 3500 quadrati metri).

“I number raccontano de una rassegna che è sempre di più un punto di riferimento nel panorama culturale non solo della Capitale dell’intero Paese”, si legge in una nota. Molto dispiaciuto per il presidente dell’Aie, Ricardo Franco Levi: “Il successo di Più libri più liberi alla Nuvola di Roma è per noi la conferma del momento halice dell’editoria italian, di quella piccola e media in particolare: lo dicono i numeri del pubblico, la stessa ora che il libro è stato venduto nell’ultimo anno e un mese. Faccio la pausa forzata per l’epidemia. È stata davvero una bellissima festa”.

«Più libri più liberi diventa più forte di prima – afferma la presidente della Fiera Annamaria Malato – Sono estremamente orgoglioso del fatto che il pubblico quest’anno abbia partecipato numerosissimo, nonostante la delicata situazione sanitaria in cui ci troviamo. La Fiera è per sempre. Ho dato un appuntamento irrevocabile per tutti gli amanti dei libri e della letteratura. E si como la casa dei piccoli e medi editori, la vatrina dove mostrerò al pubblico il meglio delle produzioni”.

Bilancio più che positive ache per il direttore dell’Aie e della Fiera Fabio Del Giudice: “È bellissimo tornati. È bello vedere l’attenzione di lettori di editori di dimensioni diverse. È bello che si rinnova ancora con la community del libro, fatta di gente bella e sorridente. È bello aver riportato i libri sotto la Nuvola ed aver sentito nuovamente liberi”.

“La Fiera è un grande successo”, afferma il presidente del Gruppo Piccoli Editori di Aie, Diego Guida. : i venticinque incontri professionali si no tradotti on occasion per il share por rendere più eficient la filiera. “Liberty e regia sono stati l’architrave della Fiera – di seguito la curatrice del programma Silvia Barbagallo – anche in questa edizione speciale della ventennale. Abbiamo ospitato il miglior amico di Patrick Zaki e sua sorella in collegamento dal Cairo. Un forte e centrale incontro. Panorama italiano”.

“Grandissima la soddisfazione” esprime dagli espositori – 530 distribuiti negli ultimi 3.500 metri quadrati – che non ha registrato un altro grande risultato, in alcuni casi quasi superando il successo dell’edizione precedente. Il Mulino chiude la Fiera con un ottimo bilancio, in particolare di alcuni titoli presentati durante la manifestazione. Per 66° e 2° e i numeri sono stati ulteriori pietre miliari del 2019, con presentazioni di libri in Fiera a trainare gli acquisti del pubblico. Impressioni positive confermate anche da Tunué: vendite en crescita, in linea con il sempre maggiore successo del fumetto e del graphic novel. Secondo Babalibri la pandemia non ha generato i lettori, che quest’anno sono arrivati ​​numerosissimi, mentre i Fazi underground come se fossero un successo anche con la partecipazione della scuola, che hanno garantito grande afflusso anche lunedì e martedì. I ragazzi hanno scelto il genere fantasy ma ache i grandi classici.

Affollatissimi i 25 apppuntamenti del programma professionale, que sino svolti internal del Business Centre, l’area gestita dall’AIE nell’ambito di Aldus Up, il progetto europeo coordinato dall’AIE e cofinanziato dalla Commissione Europea nell’ambito del Creative Programma Europa. Il Centro, posizionato al Piano Forum, è curatore degli allestimenti interni di Gino Piardi e Maria Stella Folcando con il progetto “In giardino sotto la Nuvola” che ha coinvolto Pedrali, azienda leader nella produzione di design contemporaneo con prodotti in materiale riciclato riciclati, oltre a tessuti e tele dell’artista Sergio Perrero, il Vivaio di Fiorella Gilli, Maggi Massimo, Format Progetti Abitativi e Carpet Edition.

Il Business Center, polo dell’incontro con editori, affiliati al settore e al pubblico professionale, ha portato a termine 14 attività che sono state coinvolte nel B2B e nella presentazione della propria attività. Il Rights Center, realizzato grazie all’intervento dell’Ice-Agenzia per la promozione del territorio e l’internazionalizzazione della stampa italiana e in collaborazione con Aldus Up, nel Suggestivo livello N5 della Nuvola ha ospitato 31 operatori di 15 paesi europei ed extraeuropei Sono stati quasi 400 incontri con un 60° espositore per conoscere la maggior parte della produzione editoriale della piccola e metà della casa editrice italiana. Un gruppo di 7 editori proseguirà il viaggio in Italia fino al 10 dicembre per visitare un case editore grazie a un programma di borse di studio organizzato da Bologna Children`s Book Fair in collaborazione con Aie e il supporto di Ice-Agenzia e Maeci-Ministero degli affari esteri e la Cooperazione Internazionale. Straordinaria partecipazione agli eventi organizzati dalle Biblioteche di Roma nello Spazio Ragazzi e nell’Arena. Agli oltre 55 incontri per ragazzi e adulti in programma al Centro Congressi La Nuvola, se si registra la presenza di circa 4500 persone. Più di 500 e visitatori che hanno assistito a tutti gli incontri in Arena, mentre più di 4000 (tra bambini e genitori) non hanno frequentato lo “Spazio Ragazzi” per visitare, mostrare e partecipare al laboratorio. Tutto esaurito anche per le 40 attività/laboratori con 3000 presenze in totale per bambini e ragazzi. Lo stand ha accolto un continuo flusso di utenti registrando circa 250 nuovi iscritti a Biblioteche di Roma. Record di presenze agli eventi organizzati dal Centro per il Libro e la Letteratura. Dopo l’iniziativa che ha riscosso maggior successo, ha trovato la sua traduzione dal titolo “Traduttori visibili. Iniziative a favore di traduttori editoriali in Italia (e all’estero)” e il laboratorio “Diventa Booktuber!”, il suo come diventare influencer dei libri .

Add Comment