Ascoltare gli AC/DC potrebbe aiutare i chirurghi a essere precisi e veloci

Secondo studio, riportato da “The Scottish Sun”, l’accesso alla musica hard rock potrebbe essere notevolmente migliorato e i suoi servizi chirurgici potenziati. Già nel 2017 una ricerca condotta da Spotify e Figure 1 aveva notato che questi speciali ascoltano in sala operatoria soprattutto rock e metal

Un recente studio ha rivelato che ascoltare musica rock e hard rock potrebbe aiutare e chirurgi a fornire i migliori servizi in sala operatoria.
Lo riporta lo “Scottish Sun”, il quale indica che recenti ricerche hanno dimostrato come il dolore di questo genere musicale durante l’intervento chirurgico possa avere un effetto calmante, favorendo l’abbassamento della pressione sanguigna. Inoltre i brani e da ritmi sincopati sono frenetici in grado di velocizzare il lavoro delle équipe chirurgiche.

“Ho scoperto la nostra ricerca che mostra che il soft rock è soft rock e l’hard rock ha grandi prestazioni chirurgiche”, ha affermato il capo dello studio, Cui Yang dell’Università di Heidelberg, in Germania. “Con la musica hard rock, l’effetto positivo è uno stato particolarmente evidente quando il suono è alzato. È possibile che la musica abbia un ritmo alto per fornire il ritmo per mantenere la velocità durante l’esecuzione di un’operazione e cinque minuti per eseguirla.”

Le dichiarazioni della ricercatrice sono state pubblicate sulla rivista di medicine e chirurgia “Langenbeck’s Archives of Surgery”, che per prima ha presentato questo particolare studio.

“Gli esperti affermano che i brani rock popolari migliorano le prestazioni alleviando lo stress, rilassando i muscolari, combattendo l’ansia e persino abbassando la pressione sanguigna”, scrive Nick McDermott, giornalista del Sole.

Provo condotti con “Highway to hell” e “TNT” degli AC/DC

approvazione



AC/DC, ho usato il video del nuovo singolo Realize

Nel corso della prova svolta, sono stati proposti alle “cavie” le canzoni “Highway to hell” e “TNT” degli AC/DC.
Il risultato è che c’è una velocità maggiore nel seguire un’incisione di tipo chirurgico: grazie ad Angus Young e al mio compagno, li ho misurati da 236 secondi a 139 secondi, con una precisione superiore al 5% rispetto a quanto fatto in sala operatoria senza il colonnato sonoro della mitica band australiana.

“Probabilmente ci saranno molti AC/DC suonati nelle operatorie seguito ai risultati di questo noovo studio!” ha scritto entusiasta sul sito di Virgin Radio UK.

Anche “Hey Jude” e “Let It be” dei Beatles ascoltate per i test

approvazione



I 10 migliori album hard rock dell’anno per Kerrang Magazine

In tempi contemporanei, è stato anche sperimentato dai Beatles grazie ai loro successi, “Hey Jude” e “Let It Be”. I risultati di questi test fanno capire che anche il pop – quindi una musica meno dura rispetto all’hard rock – dà effetti positivi: i medici sono riusciti ad aumentare il processo di sutura di una ferita.

Noterò anche che, quando i classici dei Beatles sono statici e prodotti ad alto volume, l’effetto positivo è minore. Questo è il contrario di ciò che accade con l’hard rock, e che è praticamente evidente “quando la musica è stata riprodotta ad alto volume”, come ha spiegato la ricercatrice Cui Yang.

Spotify Ricchezza del 2017

approvazione

Girato al buio, il nuovo singolo degli AC/DC

Già nel 2017 una condotta ricerca da Spotify e Figura 1 aveva notato che i chirurghi apprezzano e ascoltano in sala operatoria soprattutto rock e metal.

Da quell’analisi fu il risultato che tanto questi due generi comparativi il pop. E, ancora: per quanto riguarda rock e metal la predilezione sarebbe per gruppi “belli pesanti”, passateci il tecnicismo… Metallica, Doors, Queen, Led Zeppelin, AC/DC, Scorpions, Queen and Motörhead sono i nomi che più sono Presenti in rotazione nelle playlist targate sala operatoria.

Ciò che aggiunge questo novo studio pubblicato sulla rivista speciale “Langenbeck’s Archives of Surgery” è che a migliorare le prestazioni chirurgiche possa essere l’ascolto di musica “sia soft rock sia hard rock”. Per capire quanto la musica sia importante in questo campo, noterò presto che sta arrivando riprodotta su due terzi delle operazioni, in tutto il mondo.

E allora come coltiamo quella che securamente da oggi farà ancora più da soundtrack alle operazioni chirurgiche di tutto il mondo, dopo la diffusione dei risultati di questo studio. Una canzone che fa bene al cuore, oggi possiamo davvero dirlo.

Add Comment