Il Pianista, la dieta assurda seguita da Adrien Brody per il film di Roman Polanski

Pochi personaggi del cinema recente hanno restaurato la causa della seconda guerra mondiale con l’efficienza di Wladyslaw Szpilman interpretato da Adrien Brody in Il pianista: Ringrazio di cuore il valore complessivo del film di Roman Polanski, ancora una volta e soprattutto grazie alla bravura e all’impegno di Brody.

Bravura e impegni nei quali considera ovviamente l’abnegazione con cui l’attore premio Oscar si è dedicato alla necessaria trasformazione fisica per essere credibile nel mondo di Wladyslaw: per Il Pianista, infatti, Brody parte pesa circa 73 kg per 1, 85 metri di altezza perché perderò la bellezza di 14 kg cugino delle riprese.

La dieta che il povero Adrien continuava a preparare per il film del regista di Rosemary’s Baby era tutt’altro che semplice da portare avanti: per circa sei settimane, infatti, l’alimentazione di Brody prevede nient’altro che due uova sode e un il verde a colazione, seguito da una piccola quantità di antipasti di pollo e una piccola porzione di pesce o pollo per la cena, con contorno di cotte di verdure al vapore.

Sacrificio perfettamente visibile nell’aspetto morbido ed emaciato dell’attore nel film, che ovviamente era ad aggiungersi una complessiva di incredibile livello performance. Tornando ai giorni nostri, intanto, recentemente Adrien Brody ha parlato del suo ruolo in Peaky Blinders.

Add Comment