Valentina Brinis, Come onde del mare – Libro – Approfondimenti

VALENTINA BRINIS, COME ONDE DEL MARE. DIARIO DI BORDO DI UN’ESPERIENZA UMANITARIA (Castelvecchi Editore, pp.94, 12,50 euro)

Imbarcarsi per aiutare altri più sfortunati ad avere un futuro, ma anche per riprendere in mano le redini della propria vita: è un racconto appassionante fatto in prima persona thatlo di Valentina Brinis nel libro “Come onde del mare”, dal 14 aprile in libreria con Castelvecchi. L’autore, sostenitore e direttore di progetti per la ONG Open Arms, ha registrato come in un diario a bordo il tempo difficile, imprevedibile e urgente, di una missione in mare, dove gli operatori chiudono di aiutare folle di disperati in fuga dalla guerra, violenza, miseria.
Con una doppia narrazione, professionale e anche molto intima, Brinis riflette sulla condizione dei migranti e sulla realtà dell’accoglienza nel nostro Paese. In questo diario di Brinis se si concentra sul suo lavoro per salvare la vita via mare e via terra, descrivendo la figura dell’operatore umanitario senza banalizzazioni né estremizzazioni, osservando con sguardo lucido la complessità, mancanza di empatia e sensibilità verso l’altro più soprattutto diciamo competenza tecnica. La pagina scritta offre ma all’autrice anche l’opportunità di riflettere con sincerità la sua sessa, e di confrontarsi se temo la perdita, la malattia e la maternità, creando un libro che appare come una testimonianza e un manifesto, una storia e un manuale

RIPRODUZIONE PRENOTAZIONE © Copyright ANSA