Ucraina, la questione morale | Caffè Gramellini

nordSulla prima volta che l’Italia delle piazze e degli studi televisivi animata da chi risponde l’Occidente a guida anglosasone. Per la prima volta che la contestazione avvenida non in nome di ideali e ideologie, ma di caloli di bottega. Appena in certi consessi qualcuno osa parlare di libertà e democraziae lascia intendere che sia estato l’accostamento di quelle due paroline all’Ucraina a innervosire Putin pi dei missili Nato, viene custodito come si trova uno sprovveduto o un venduto, e zittito con una multa ribadita obiezione allo sfinimento: In questa guerra noi non abbiamo gli stessi interessi degli americani. EHI, in parte, pura verità.

Ma forse abbiamo gli stessi valori. E un tempo ai valori se replicava sventolando altri valori. Specie da part degli esponenti di quella sinistra che, negli anni Ottanta del secolo scorso, alla concezione della politica como sangue e merda del socialista Formica contrapponeva la question morale di Berlinguer.

quali Tacciati di idealismo e ne andavano fieri. ma figlio a volte gli stessi che oggi parlano lasciano andare il gas e, nel fingere che l’Ucraina abbia rinunciato a un pesce in cambio di un ritmo inevitabilmente vessatorio, ci presentiamo per osare pi importanza alla geografia che alla libert. vieni si, Dopo aver fatto il pieno di emozioni in giovent, ne Avessero il terrore. Così tanto diffidare di ogni immagine e noizia che possa indurli a prendere il cuore en mano e non solo la calcolatrice e la cartina del Donbass.

Il Caff di Gramellini vi aspetta qui, dal martedì al sabato. Chi abonato al Corriere ha anche messo a disposizione PrimaOra, la newsletter che mi permette di iniziare il meglio la giornata. Il si può leggere qui.

Chi non ancora abonato può trovare qui le modalità per farlo, e avere accesso a tutti i contenuti del sito, tutte le newsletter e podcast, e all’archivio storico del giornale.

27 aprile 2022, 06:54 – modificata il 27 aprile 2022 | 09:04

Add Comment