Dal pop al rock, il romagnolo si fa ascoltare

Diamo insieme uno sguardo ad alcune recenti uscite di artisti romagnoli, a partire da una pubblicazione a metà tra letteratura (colta!) e musica: si tratta di ascoltando la poesia Un esperimento in totale stile hanno dato Massimiliano Morini. L’autore, che è anche professore di inglese nelle università della diversità, pubblica questo libretto informativo della sua poesia inglese tra il 1530 e il 1918, che è accompagnato dal CD canti e sonetti hanno dato moresco &ere; la rivoluzione silenziosa, gruppo di cui Morini è capofila. Nell’album, Messi suonava sotto forma di canzone, alcuni sonetti di cui se ne parlava nel libro. Da aprile ci sarà anche un tour nel club per presentare il progetto dal vivo. Libro e disco sono già disponibili su tutti gli store online.

solo nell’universo È la canzone d’esordio della cantante Villa Veronica, pubblicato dall’etichetta riminese Yourvoice su tutti gli store digitali. «Sono un momento speciale – spiega l’interprete –, quando mi sento parte di qualcosa di immenso, quando sono stacca dalla rumorosa quotidianità e si ritrova sé stessi. Quando non c’è nessun rumore attorno, si ritorna ad ascoltare noi stessi, ed allora si ritrovano tutti i motivi che ci hanno portato ad essere quello che siamo diventati». Il brano, in bilico tra pop e voce lirica, è il supporto del contributo al violino di Federico Mecozzi, e parte di un progetto che vedrà Villa collaborare con musicisti italiani e internazionali. La giovane cantante, che ha una formazione classica con una laurea in canto rinascimentale e barocco, ha lavorato nel campo del pop e del teatro, ora è il primo singolo da protagonista.

Si intitola invece eraclito il nuovo Ep del trio Frequenza di Tesla, gruppo pop-rock bolognese composto da musicisti transitati in molte diverse formazioni emiliane e romagnole. Il suono del gruppo è un classico cantato pop-rock in italiano, influenzato da tratti da sonorità anni’70/’80. Di tutt’altro stile il nuovo singolo di giulietta comeventiseienne cantante forlivese che pubblica Adele, un brano in linea con i suoi precedenti lavori, tra hip hop, elettronica e ritmi neolatini. Giulietta ha iniziato giovanissima a frequentare l’ambiente rap urbano, e ha pubblicato fun lavori a partire dal 2018, ma è arrivata quest’anno, quando ha rinnovato il suo sogno e ha assunto lo pseudonimo di Giuliettacome, con cui ha firmato il singolo “Veron” . Questa la nota di Eiemgei, il produttore che ha portato Madame al successo con il singolo “Sciccherie”, e che produce il nuovo singolo di Giulietta come “Adele”. Merita attenzione la parte testuale delle brane: racconta di una notte a Parigi, ed è un riuscito mix tra Italian e Francese, con rima che mescolano le due lingue, un po’ come Ghali fatto nel suo singolo “Wallah”. Giuliettacome si esibirà alle finali del concorso Musicacultura.

Add Comment