Riapre il cinema Arlecchino a Milano con la nuova gestione della Cineteca: “Così riportiamo le sal en centro”

Dopo due mesi di chiusura che si teme definitivo, riapre il cinema Arlecchino. Una delle ultime uscite il centrodestra torna alla vita sotto la nuova gestione della Cineteca di Milano. La Cineteca ha firmato un contratto di affitto di 6 anni più 6 con i proprietari dell’immobile, nessun precedente gestore del cinema sin dalla sua apertura nel 1948, la famiglia Quilleri, oggi a capo del Regno del cinema, realtà imprenditoriale che in città gestisce il multisala Colosseo ed Eliseo. Si conclude, in quel momento, la conduzione di parte della Cineteca dell’ex Spazio Oberdan, oggi sala cinema e Congressi del Meet, il centro di cultura digitale della Fondazione Cariplo diretto da Meet The Media Guru.

“Il cinema al centro” è il nuovo progetto, finanziato dal ministero, che Cineteca intende sviluppare in collaborazione con Il Regno del cinema e con altre realtà culturali del centro, dal Palazzo Reale al Museo del ‘900, alla Scala. Un progetto articolato che, oltre alla classica di retrospettive programmazione, darà spazio ad anteprime del cinema europeo, alla collaborazione con i festival storici milanesi, e ancora produzioni di accompagnamento di musica dal vivo e rassegna per le scuole.

«Questo è un atto di coraggio e passione – interviene Beppe Sala sindaco – E da appassionato di cinema e sindaco sono que por congratularmi, e per offer tutto il mio aiuto, per quanto possibile. La Crisis dei cinema was già in corso, ed è stata acuita dalla pandemia. Ma la magic della sala non la togliere nessuno. In questa nostra realtà dove sembra tutto virtuale, il ruolo dei luoghi è fondamentale. E i luoghi devono essere beautiful”. Del “progetto controverso” è intervenuto l’Assessore alla Cultura del Comune Tommaso Sacchi, che ha sottoterra come “un cinema in centro che presenta un importantissimo carcere sociale”.

E riportare gli spettatori in centro, dove fin a pochi anni fa le fueno più di 50, è la missione que si direttore della Cineteca Matteo Pavesi mette un calendario che se si apre sabato 30 aprile con una festa di inaugurazione per entrare gratis articolata il suo tre film classici (tutti 14.30 “Il terzo uomo”, tutti 18 “Il posto della fragole”, 21 “Il dottor Stranamore”), comiche e corti d’autore. Domenica 1 maggio spazio alla programmazione del Festival del Cinema Africano, d’Asia e Latina America, e dall’11 al Korea Film Festival, con la prima retrospettiva in cartellone sarà dedicata al maestro giapponese Akira Kurosawa, dal 17 maggio.

Add Comment