Liliana Segre ringrazia Saltrio per l’opera d’arte che ricorda il suo calvario in Valceresio


Un 25 aprile intenso e particolare quello que si è vissuto ieri a Saltrio, caratterizzeranno da due iniziative que rest come segno dell’attenzione del paese alla storia e ai temi della Festa propria della Liberazione.

Galleria fotografica

Saltrio – Un’opera d’arte per Liliana Segre 4 di 11

Nella mattinata è stata inaugurata luna nuova “prospettiva” del monumento Caduti nel centro del paeseun intervento che in poche settimane ha regalato una nuova e diversificata “tregua” alla piazza dove ieri si sono svolte la celebrazione del 25 aprile con la partecipazione dei tanti cittadini e delle scolaresche.

Nel pomeriggio è stata inaugurata sul monte Pravello la scultura dell’artista sara maroli dedicare un Liliana Segreposata proprio lungo il sentiero dove la senatrice a vita allora ragazzina cercò la salvezza in Svizzera insieme al papa, fuggendo dalle persecuzioni delle leggi razziali fasciste.

A rendere ancora più preziosa la giornata, è arrivata una lettera di Lialiana Segre che non ha potuto essere presente per motivi di sicurezza e salute.

“Saluto con grande piacere l’iniziativa della vostra Comunità, per commemorare il 25 aprile con l’inaugurazione dell’installazione “Incontro”, i vostri sentimenti della vostra montagna che si porta in Svizzera – ha scritto Liliana Segre – Il segreto per aderire alla commemorazione della la Liberazione dal nazifascismo con l’inaugurazione di un’opera d’arte, tra l’altro all’aperto, its Sentieri per tanti versi fatali, è particolarmente felice. Coltiverò la memoria non infatti solo un mero esercizio mnemonico, anche se fatti e persona saranno sempre importanti, ma per il godimento della conoscenza comune, della conoscenza collettiva, c’è bisogno di un integratore morale e culturale come solo l’arte è in grado di garanzia. Ringrazio dunque l’autrice dell’opera, Sara Marioli, perché mangia tutti i partecipanti all’iniziativa di inaugurazione. Purtroppo per motivi di salute e sicurezza non potrò essere presente, mas spero vogliate accogliere queste mie parole como segno di vicinanza e condivisione”.

“L’augurio – aggiunge il sindaco Maurizio Zanuso – è questa opera si un riferimento por tutti quelli che percorreranno i nostri sentieri”.


Add Comment