C’era un grande piatto rock

Parte della campagna che ha come obiettivo quello di raccogliere racconti, testimonial, aneddoti anche personali, foto, video – sia dei musicisti che degli spettatori – legati al “Festival Pop Rock a Villa Doria Pamphilj”, una nota che è stata firmata da importanti tappa nella storia della musica italiana.

«Una grande operazione di memoria collettiva non solo di Roma ma di tutta l’Italia – ha affermato Paolo Masini, Presidente di Roma BPA – Mamma Roma e Suoi Figli Migliori e ideatore del progetto – Discuterò ciò su cui sono d’accordo su cosa significa il festival Discuterò la vita, la società, la cultura e raffinerò la politica di quel tempo. Materiale utile per un dialogo musicale e culturale tra i giovani di ieri e quelli di oggi”.

La demo al “Villa Doria Pamphilj Pop Rock Festival”

Il materiale raccolto, inseme a quello in proprio degli organizzatori, grazie anche alla sinergia con tante realtà istituzionali e non, contribuirà a realizzare la mostra “C’era un grande prato rock” che sarà inaugurata il 25 maggio, esatmente 50 anni dopo il Festival, e sempre all’interno di Villa Doria Pamphilj.

La campagna sarà diffusa – grazie a Telesia – all’interno degli schermi delle metropolitana di Roma e sui social e ha como Media Partner la Rai, poiché l’evento è inserito all’interno delle iniziative di “Aspettando la festa della musica”. Fondamentale per la sua realizzazione si evidenzia la buona sinergia con l’Istituzione del Sistema Bibliotecario Culturale Centrale di Roma Capitale.

L’Associazione Roma BPA Mamma Roma e Suoi Figli Migliori è venuta con la missione di “rimettere la storia al suo posto” registrando e sottolineando i grandi eventi che hanno firmato la storia della capitale e quella italiana. Un lavoro meticoloso che ama comprenderne la significativa ricchezza come, del resto, il centenario di Ernesto Nathan, la storia di Luigi Petroselli, quella di Righetto, il giovane eroe della Repubblica Romana e quella di Andreas Aguyar, titolare di Garibaldi, fine alla storia di Michael Collins, il romano che conquistò la luna.

Add Comment