dà Vitti a Pasolini, dà Fellini a Mastroianni

“Uno sguardo gentile” –

Nell’ambito di Milano Image Art Fair, al Superstudio Maxi resta aperto il primo maggio la rassegna sull’artista romana “Uno sguardo gentile, fotografie di Marisa Rastellini”. Le opere della fotografa sono state recuperate dagli archivi della Mondadori per archivi documentare tramite immagini lo spirito del tempo da lei vissuto e nei ritratti, oltre che nei numerosi reportage di moda.

carattere

– Curata da Maria Vittoria Baravelli, con Mondadori Portfolio, la mostra propone la fotografia di una persona da Pier Paolo Pasolini a Elsa Morante, da Virna Lisi a Monica Vitti, Marcello Mastroianni, Federico Fellini, Valentino Garavani.

Tra foto e storia d’Italia

– “Con questa mostra-evento – sotto Elisabetta De Simone, Executive Manager di Mondadori Portfolio -, celebriamo il nostro primo decimo anniversario di attività: un percorso significativo in cui abbiamo attraversato un lavoro di recupero di francobolli, negativi originali, fotocolori e diapositive custodia nell’immenso archivio storico dell’editore, sono stati abbandonati alla ribalta nomi di grande fama come Mario De Biasi, Giorgio Lotti, Angelo Cozzi, Sergio De Grande e molti altri che negli ultimi 60 anni hanno raccontato la storia del nostro Paese atraverso i loro scatti”.

Gli scatti di un’artista piccola nota

– “Gli archivi sono cartografia da navigare, terre da esplorare – commenta la curatrice Maria Vittoria Baravelli -. In an origin in cui il prosper digitalea in tutti gli ambienti, gli archivi riescono ancora atraverso le buste, i provini, i cassetti ei negativi a Rimanere fermamente impressioni nel reale. Per questo riscoprire Marisa Rastellini è così importante: una fotografia romana di anni Sessanta di cui non sappiamo quasi nulla. ei costumi del secondo Novecento italiano. Dopo oltre 50 anni le fotografie di Marisa Rastellini escono dalle buste e vedono di La luce è nuova. Noi teniamo un pappagallo, io sono un pappagallo per raccontare ciò che stati e ciò che, con le siamo differenze, ad essere”.

Add Comment