Giusy Versace torna a raccontarsi in giro per l’Italia attraverso i suoi libri

Dopo il lungo stop dovuto alla pandemia, l’atleta paralimpico e oggi parlamentare riprende il tour in scuole e Convention, per racontare sua storia e stimolare il pubblico a non scoraggiarsi di fronte alle avversità e trasformare il dolore in speranza e voglia di vivere.

Infine riparte la promozione, a sua volta per l’Italia, dei due libri scritti da Giuseppe VersaceCon la prova e con il Cuore se va Ovunque”, libro scritto nel 2013 e divertente Oscar Mondadori, me “Meraviglia Giusy”, il libro dei ragazzi pubblicato nel 2018, sempre da Mondadori.

Infine, l’atleta paralimpico e oggi parlamentare ritornano a raccontare giovani ed adulti la sua visione della disabilità, attraverso quella stimolante e convolvente narrazione, capace ogni volta di incantare gli ascoltatori, inla quale il dramma spazio alla speranza e alla gioia di vivere. I suoi libri sono a vera testimonial de gioia, fede e unistante Vi invito a non affittare mai de fronte alle avversità della vita, e vivrò la disabilità non come un limite, ma come una nuova opportunità nella vita.

meraviglia è stato al centro di un incontro avvenuto lo scorso 29 aprile alla scuola primaria del plesso di Sasso Morelli hanno dato Imola (Bo) durante il quale i bambini hanno accolto Giusy con grande entusiasmo e gioia, travolgendola di domande e curiosità.

Nel pomeriggio del 29 aprile prosegue la visita di Giusy Versace all’Istituto di Montecatone Ospedale di Riabilitazionedurante il quale Versace ha potuto dialogare con i sostenitori del Centro che hanno seguito con grande interesse il racconto della sua seconda vita, attraverso la lettura di alcuni passaggi del libro ‘Con la testa e con il cuore si va ovunque’.

Nella giornata di lunedì 2 maggio, i due libri sono stati i proudi del conviviale organizzato dal Rotary di Borgomanero-AronaDove le molte persone intervenute sono rimaste incantate ad ascoltare la determinazione e la forza di volontà che Giusy Versace si è rivolta a trasformare la sofferenza legata a quel terribile incidente automobilistico che nel 2005 ha strappato via le gambe, in una nuova opportunità di vitae di riscatto, e di come sia maturata in lei la consapevolezza che la vita è un grande dono e non bisogna sprecarlo vivendo accecati dalla rabbia o dai rimpianti legati al passato e ad una vita che non esiste più.

“Sono felice di riprendere gli incontri in presenza – dice Giusy Versace – Perché il confronto con le persone arricchisce anche me, soprattutto quando protagonisti sono i bambini. WonderGiusy mi dà la possibilità di stimolare il pappagallo curioso e accoglierlo alla scuola elementare di Sasso Morelli, soprattutto quando mi ritrovo in un gruppo di bambini, quando finisco trovo un gruppo di bambini, ho cercato un abbraccio e un ringraziarmi di non aver mai cool! My stupisco sempre di quanto i miei libri e le mie parole possono trasferire alle persone un messaggio così potente. Ho avuto un ricevimento bellissimo e senza pretese anche al Centro di Montecatone e non ultimo alla cena del Rotary di Borgomanero. Ringrazio tutti por la fiducia e l’affetto con cui mi hanno ricevuto soprattutto e Annalisa Rainone, insegnante e amica che si è offerta volontaria per organizzare il mio viaggio a Imola, e il presidente del Rotary Borgomanero-Arona Distretto 2031 Michele Clemente per aver si sono offerti volontari per organizzare una serata davvero speciale”.

CON LA TESTA E CON IL CUORE SI VA OVUNQUE

“Oggi è un grande dono”. Sono le parole che Giusy si ripete ogni giorno dal 2005 quando, a causa di un banale incidente in macchina, un guardrail le taglia entrambe le gambe all’altezza del ginocchio, strappandola una vita invidiabile, piena di affetti, impegni di lavoro, sogni e amore

In quel momento Giusy perde la sua gambe ma non i sensi. Ricorda tutto: il straziante dolore, il terror di muertee e le preghiere rivolte alla Madonna, perché le dia forza. Forza che diventa la sua arma.

Insieme alla famiglia e agli amici che le si stringono attorno, Giusy muove i primi passi nella sua nuova vita. Fra pianti, speranze, paure e momento di gioia arrivare le protesi, “le mie niove gambe”. Prima quelle da passeggio, poi da mare, poi addirittura da corsa, nonostante qualche dottore le suggerisca di lasciar perre. Un anno dopo l’incidente, Giusy aveva sposato un piccolo presente fidanzato e, da brava calabrese doc, tenace e col cuore buono, si è buttata a capofitto in un futuro che ha riservato sorpresa e soddisfazioni: un nuovo lavoro, un nuovo amore, Il creazione dell’unico Disabili No Limits, che raccoglie fondi da donare a chi non può permettersi, l’oro e il record italiano dei 100 e 200 metri e il record europeo dei 100 metri.

Con la testa e con il cuore se va dappertutto è il racconto di una vicenda personale ma anche di una scelta che riguarda tutti coloro che si trovano ad affrontare un cambiamento rivoluzionario: ne terrò un altro e costruirò un dominio o continuerò a rimpiangere un bel passato che non c’è più. Giusy non ha visitato il doppiaggio.

MERAVIGLIOSA

Tra le nuvole nascosta dietro un arcobaleno, chi si trova o si trova un giorno intravedere WonderGiy, la super pronta a salvare in difficoltà. Con il suo super udito cattura le richieste di aiuto delle persone, sceglie quali gambe indossare fra quelle da ballo, da corsa o da nuoto, e vola in missione sulla città! Un giorno ho sentito una voce: era Chris, un ragazzo costretto sulla sedia a rotelle, convinto che non avrei voluto correre e giocare a basket con i miei amici. Lui ancora non sa che volare e correrò un po’ più veloce, correrò e volerò un po’ più lentamente. Sfidando il malvagio Hater, che “scoraggia ogni coraggio”, WonderGiusy porterà Chris con sé in un viaggio alla scoperta dei propri superpoteri. Perché “superpotere” è la voce del verbo supererò ogni limite. Illustrazioni di Sara Mauri

Stampa amichevole, PDF ed e-mailFrancobollo

Add Comment