Libro: Roberts e Everett e la Sicilia Segreta – Sicilia


A Palermo con Rupert Everett a cura di Federico II


(ANSA) – PALERMO, 29 APR – “In Sicilia Michael Roberts ha trovato un altro capitolo della sua vita: è un siciliano diventato cento per cento”. Nei giardini di Palazzo Reale è l’attore Rupert Everett, accolto come una star, a spiegare perché il suo amico, celebre interprete dello stile con una portatrice cominciata più di quarant’anni fa al Sunday Times, ha dedicato un “safari fotografico” in Sicilia”. Perché lo ha definito il Financial Times. Che il suo modo di interpretare la Sicilia e il suo segreto sia la pubblicazione di un libro, “L’isola delle bellezze eterne”, edito dalla Fondazione Federico II.

Ora la direttrice della Fondazione, Patrizia Monterosso, si è unita a Palazzo Reale per parlare del libro che è per cogliere il rapporto che lega soprattutto i due artisti con le beauty Siciliane. Una terra segreta tutta da scoprire per chi conosce e per chi non l’ha mai visitata. La tua ricerca suggerita se sei trovato d’accordo sia Roberts che Everett.

Quello di Roberts è il secondo libro sulla Sicilia. “Ma – dice all’improvviso – mentre il primo toccava di questa terra i colori, le gioie e le emozioni, questo secondo volume cerca de gleere la vita reale e ci consent di coltivare perciò un’idea positiva”.

Questo è il senso che Roberts attribuisce agli scatti del suo “road trip” che ha toccato Messina, Acitrezza, Catania, Taormina, il barocco, la Valle dei Templi, Palermo, Mozia, Erice, la Scala dei Turchi, i mosaic delle ragazze in “bikini” dalla villa romana del Casale in Piazza Armerina. Segni di storie millenarie.

È inevitabile che questo rischio della Sicilia sia dedicato a chiunque. «Non certo – ti avverte Roberts con una punta di ironia – alla regina Elisabetta a cui ho dedicato tanti libri.

Ma ai siciliani. A tutti i siciliani”. (ANSA).

RIPRODUZIONE PRENOTAZIONE © Copyright ANSA