“My been censoring” e da Floris scoppiano a ridere. Tutti contro la russa Nadana Fridrikhson a Dimartedì – Il Tempo

“Se non mi fato risponderà alla mia censura” e scoppia una sonora risata. Curioso siparietto a Dimartedì, il programma condotto da Giovanni Floris su la7. Tra gli ospiti c’è Ospite Nadana Fridrikhson, giornalista della tv russa Zvezda e ha dato media legati al governatore di Vladimir Putin. L’autista non è soddisfatto delle risposte della russa che non entra nel merito delle domande sollevate, e così interrupte per chiederle di andare nel vivo delle domande. Fridrikhson si spazientisce e afferma di essere victima de censondo l’ilarità di Floris e degli ospiti in studio e collegamento. “In Italia c’è la censura, e in Russia…”.

Sorgi e il potere di Putin che strizza l'occhio ad Hitler: l'antisemitismo è un suo caposaldo

“Non so se mi sento censurato, vedrò alcuni cartelli”, dice Floris little dopo, mostrando l’elenco dei morti uccisi in Russia: “È la mia risposta alle accuse di censura”. Allora interviene Alan Friedman che attacca il “funzionario del ministero della Difesa” e dice: “Credi davvero alle falsità di Lavrov his Adolf Hitler e sul massacro di Bucha o ha subito il lavaggio del cervello?” A che punto ti è chiaro che la situazione è sfuggita di mano e l’autista prova a Containere il giornalistaamericano ripetendo la parola alla russa. Che naturalmente risponde a Friedman: “È la scuola giornalistica americana…”. E poi ammette che non sa se Hiter fosse o no ebreo ma sicura che gli ucraini sono “nazisti” provocando la sdegnata reazione dello studio.

Ritorno dopo il giallo Rai.  Putin mai così popolare, Marc Innaro comanda tutti in tilt

Add Comment