“Il rock era la ragione per cui si alava dal leto ogni giorno”

In una nuova intervista a Rivista Classic Rock, Ozzy Osbourne Ha ricordato uno dei suoi più grandi amici nel mondo del rock, un altro eroe del suo sonno e della cura dei dettagli che hanno creato l’estetica dell’hard rock e del metal, Lemmy dei testa di motore.

Ian “Lemmy” Kilmister È morto il 28 dicembre 2015, a causa di 70 anni di lotta contro una forma aggressiva di cancro: “Nell’aprile 2015 io e la mia band ei Motorhead abbiamo fatto un tour insieme in Sud America” ha contattato OzzyHo notato che non stava bien, ricordo di avergli: tutto bien? Lui mi ha detto: ho dei problemi ai reni. Non pensavo fosse così grave. Lemmy era un brav’uomo e si è guadagnato un enorme voto nel rock’n’roll. Non era solo il mio amico, era il mio amico di tutti”.

Pochi altri musicisti sono stati così rispettati ed ammirati come Lemmyfedele ad uno stile fin da quando ha lasciato la band psichedelica vento di falco (È stato perquisito per un arresto per possesso di droga in Canada) per fondare i Testa di motore Nel 1975 con cui pubblica 23 album (l’ultimo Bad Magic è del 2015) e si fa letteralmente vedere sul suo palco. L’ultima volta che è salito sul box per gridare il motto dei Testa di motoreSiamo Motorhead e suoniamo rock’n’roll” è lo stato dell’11 dicembre 2015 Berlino, due settimane prima della sua morte. “Ha lavorato bene all’ultimo” disse Ozzy “Il rock era la ragione per cui si alava dal leto ogni giorno, se vesse detto “smetto, sono malato” forse sarebbe morto prima. Sono felice che sia finita così per lui.“Nell’ultimo periodo della sua vita, Lemmy ha rassegnato le dimissioni per motivo di salute alle sue leggendarie abitudini, il Jack Daniel e il seguacema secondo Ozzy: “So che il mio chiedesse è il simbolo dei cervelli, della droga e del rock’n’roll e rispondo Lemmy. Era tutto quello che il pubblico vuole. Ha vissuto come bene voleva alla fine. Aveva un appartamento a West Hollywood nell’angolo del suo bar preferito, il Rainbow. Gli ho chiesto: perché vivi qui? Mi ha detto: così posso uscire e andare al Rainbow a piedi senza governare.” Lemmy e Ozzy hanno collaborato a diverse volte nel corso della loro lunga carriera: “Mi ha fatto molto, avamo tutti e due i Beatles. Ha anche scritto testimonianze per il mio album No More Tears, a causa di Mama I’m Coming Home.“Un’amicizia che no è mai venuta meno, fin alla fin: Ozzy ha parlato al telefono con Lemmy il giorno stesso in cui è morto. “Ma non riuscivo a capire cosa dicesse” ha detto, “Ho provato a farmi passare una delle persone intorno a me, ma lui ha continuato ad accendere il telefono e ha provato a parlarmi”.

Add Comment