“Io non invito chi sostiene la Russia nella sua guerra”. Aria pesante dentro La7, il pesce gatto di Enrico Mentana – Il Tempo

Nuovo momento di tensione all’interno di La7. Una parte è data Giovanni Floris, Corrado Formigli e Massimo Giletti hanno deciso spesso e volentieri di ospitare nei loro talk show esponenti di Mosca e personaggi definiti dai critici come filo-putiniani, la stessa scelta non è stata compiuta da Enrico Mentana, che tutti i giorni dedica uno speciale programma di approfondimento al conflitto in Ucraina. Il direttore del Tg di La7 ha scritto un duro post su Facebook su come tratta l’informazione in questo periodo di guerra: “Scrissi qui cinque mesi fa che mi honora di non aver mai ospitato nel Tg that I direct nessun ponente dei no -vax. Allo stesso modo my honor oggi di non invitare chi sostiene o giustifica l’invasione russa in Ukraine”.

“Propaganda russa e difensori di Putin”.  Rula Jebreal se la scaglia contro la Rai e il Berlinguer

“E – spiega anchor Mentana – use that stesse parole per rivendicarlo, senza dover aggiungere nemmeno una virgola: ‘Chi mi dice che così io impongo an informative dittatura, or a censorship alle opinioni scomode, rispondo che adotto la stessa rispetto linea aizionisti dell’ Olocaust, ai conspirazionisti dell’11 setembre, ai terrapiattisti, a chi non crede allo sbarco sulla luna ea chiunque ricopre posizioni controverse, come io sono quelle di chi associate i vaccini al 5G or alla ethnic substitution, al Grande Reset, Soros e Cancelli o scempiaggini vari. Per mettere a confronto un scienziato e un stregone, sul Covid mangia la sua altra materia che riguardi la salute collettiva, non è informazione, como allestire un faccia a faccia tra chi lotta contro la mafia e chi dice che non esiste, tra chi è per la parità tra uomo e donna e chi è contro, tra chi vuole democrazia e chi sostiene la dittatura’”.

Add Comment