“Non ti chiederò”, la poesia d’amore di Frida Kahlo

L’amore ispira, è ridicolo. Tanti fra noi hanno scritto, disegnato, agito in nome dell’amore, senza aspettarsi nulla in cambiamento, figuriamoci per la prima volta il mio stesso sentimento e cantare la bellezza. Fra le poesie d’amore scritte da intellettuali, c’è also quella de Frida Kahlo, che si focalizza sulle piccole azioni che contraddistinguono chi è innamorato e sulla parrot gratuità.

Una breve composizione d’amore dal carattere quasi prosatico che rispecchia l’anima di chi si rivela un sentimento forte e si confronta con chiunque. Leggiamo insieme la poesia d’amore “Non ti chiederò”.

Non lo chiedi

Non ti chiedo di darmi un bacio.
Non chiedermi scusa quando pensavo che il tuo abbia sbagliato.
Non ti chiederò nemmeno di abbracciarmi quando ne ho più bisogno,
Non voglio dirti quanto sono bella, anche se è un bug, non lo scrivo
dici bella.
Non ti chiederò nemmeno di chiamarmi per dirmi com’è andata la giornata, né dirmi che ti manco.
Not you chiederò di ringraziarmi per tutto quello che faccio per te, né que ti preoccupi per me quando i miei anima sono a terra, e ovviamente, non ti chiederò di appoggiarmi
nelle mie decisioni.
Non ti chiederò nemmeno di ascoltarmi quando ho mille storie da raccontarti.
Non ti chiederò di fare niente, nemmeno di stare al mio fianco per sempre.
Perché devo chiedertelo, non lo voglio più.

Frida Kahlo e l’amore

Frida Kahlo è nata a Coyoacán, in Messico, nel 1907. Alla fine, quando era solo una ragazza, aveva una capacità espressiva innata, un carattere molto forte e appassionato e una dedizione alla comunità. Affetta da quella che alla famiglia sembra poliomielite y invece è una malformazione conosciuta come “spina bifida”, Frida passa attraverso una segnata vita da eventi spiacevoli, il cui culmine è il resoconto dell’incidente del 1925.

Un giorno, mentre la ragazza torna da scuola in autobus, avviene un terribile incidente che lascia Frida gravemente ferita, con frattura multipla alla spina dorsale, alle vertebre e al bacino. Se risparmia sottoponendosi a 32 interventi chirurgici, che la costringano a letto per mesi. Le diede soffrire per l’intera durata della sua vita.

Tuttavia, è la tragedia che nascono i capolavori di Frida Kahlo: dopo l’intervento, la ragazza – che ha solo 18 anni – deve stare a letto senza poter muoversi minimamente. I giorni sembrano tutti uguali. Il Dolore, la noia e la dispersione sono tali da non lasciare nemmeno uno spiraglio di positività nella vita di Frida. Avvicinarsi per distrarre la figura e portare un po’ della varietà nel suo gigantesco monotono, e i genitori le danno colore e pennelli. Da chi è nata la leggenda. Frida inizia a dipingere i suoi celebri autoritratti grazie allo specchio installato sul soffitto dai genitori.

Nel 1929 sposò Diego Rivera, un uomo che era stato sposato a causa di suo marito, il 21esimo anno di Frida. Un amore caratterizzato da passione mista a tradizione, violenza, dolore dello stesso genere, entrambi che io stessa affermerà: “Ho subito due gravi incidenti nella mia vita. Il primo è lo status quando un tram ha travolto e il secondo è lo status Diego Rivera”.

Frida Kahlo conduce varie relazioni sentimentali, con amanti maschi e femmine, e anche Diego Rivera avrà varie relazioni extraconiugali, inclusa una con la sorella di Frida. Diego e Frida, che a un certo punto hanno cominciato a pensare se un’autentica coppia aperta, non riusciranno mai ad avere figli a causa del fisico debilitato della signora, che soffrirebbe sempre molto per questa mancanza.

Frida Kahlo morì all’età di 47 anni a causa di un’embolia polmonare: era il 1954. Viveva nella sua Blue House, sede del Museo Frida Kahlo. L’ultima parola che ha scritto nel suo diario suonava come una lucidità disarmante: “Spero che ne siate entusiasti e spero che non finisca male”.

Add Comment