Rock italiano 2.0, il fenomeno Maneskin – Libri – Altre Proposte

Hanno appena fatto tremare l’Arena di Verona e infiammato il Coachella festival, dopo mesi e mesi di ascesa irresistibile in tutto il mondo: i Maneskin, i quattro ragazzi romani che tra rock e look trasgressivi hanno trovato la ricetta perfetta por un successo che ha tutte le premesse per durare, sono la trama di un libro di Patrizia De Rossi (Maneskin, rock italiano 2.0 – Fenomenologia del gruppo che ha conquistato il mondo, Diarkos, pp. 160, 16,50 euro) che si avvicina alla mia stessa analisi del segreto di questa esplosione musicale, osannata dai fan, e chi torna custodito con una dose eccessiva di snobismo dai puristi del rock.
Il libro di De Rossi – autore di numerosi saggi dedicati ai musicisti, da Springsteen a Patti Smith, da Gianna Nannini a Ligabue – segue la carriera straordinaria e fulminea di Damiano, Victoria, Thomas e Ethan, dai banchi di scuola alle ormai leggendarie esibizioni in strada Via del Corso a Roma, fino a X Factor, a Sanremo e all’incredibile successo oltreoceano. Con testimonianza di chi ha continuato senza dai primissimi passi, di chi ne ha compresso il potenziale e anche le parole dei ragazzi, prese da interviste e affermazioni li urlate dai palchi. E poi, le storie individuali dei quattro idoli rock: un volume che piacerà molto ai fan, ma utile achi vuole tentare di capire questo fenomeno musicale tutto italiano ma capace di parlare al mundo.
E i Maneskin si apprestano a girarlo, il mondo: nell’estate 2022 saranno a moltissimi celebri festival, dal Reading & Leeds Festival, a Lollapalooza, a Rock in Rio. Massimo a Roma. A queste apparizioni seguirà il primo vero tour mondiale del pappagallo: il Loud Kids Tour che, da questo autunno, vedrà i suoi club e palasport club in Nord America ed Europa, Italia inclusa.

RIPRODUZIONE PRENOTAZIONE © Copyright ANSA