Roma, turista cade e danneggia una tela del 1610 di Guido Reni in mostra alla Galleria Borghese

Incidente “tagliente” alla Galleria Borghese di Roma durante la mostra Il sacro e la natura, dedicato al pittore bolognese Guido Reni. Il pomeriggio di ieri, 4 maggio, un turista cade dinanzi all’opera Risaia San Francesco stimmate. Quando ha perso l’equilibrio, la signora ha accidentalmente fatto penzolare il tessuto provocando un taglio di circa 4 centimetri. Non è ancora ben chiaro il motivo della decadenza del turista. C’è chi sostiene che la signora ha avuto una resistenza e, nel tentativo di non capitombolare a terra, ha voluto alle abbia di aggrapparsi transenne che separano i visitatori dalle opere in mostra, tranne che non riuscire a non urtare il quadro. Altri ancora sostiene che il danno all’opera sia stato dovuto un “falso passo” della turista, che sarebbe inciampata proprio sull’allestimento della mostra e, rischiando di cadere, abbia involontariamente urtato l’opera danneggiandola.

Secondo quanto riferito da altri visitatori, ma, la signora non sarebbe la prima persona a inciampare sui dividi posti ad altezza polpaccio tra le opere e visitatori. Già nel giorno dell’inaugurazione della mostra un giornalista è caduto dopo essere inciampato tra le “transenne”, fortunatamente senza danni le opere esposte. Nella serata di ieri, i Musei Capitolini hanno confermato l’accaduto in una nota: «Oggi (ieri, ndr) un visitatore, probabilmente colpita se ne frega, se è improvvisato e nella caduta ha urtato il telo Risaia San Francesco stimmate di Guido Reni, provocando una leggera lacerazione superficiale. Il personale di custodia, presente con tre unità in camera, per soccorrere immediatamente la signora non è morta in tempo, a causa dell’imprevedibilità della situazione, per evitarne la scadenza. La zona è stata transennata tempestosamente. Domani (oggi, ndr) il funzionario responsabile del Comune di Roma, proprietario dell’opera, valuterà le modalità di intervento per il ripristino della fessura».

In secondo luogo, per quanto riguarda la dottoressa Francesca Cappelletti, direttrice della Galleria Borghese, e danni subìti dall’opera, per fortuna, non sono di gravissima entità: «Dopo l’incident abbiamo subito chiamato i nostri tecnici, il conservatore e restauratore esperti e sono stati riscontrati appena Quattro centimetri dalla lesione sul bordo del tessuto ai bordi del cornicione nella parte inferiore del dipinto. Il colpo della signora è stato improvviso, ma non drammatico e il danno appare molto lieve».

altra gamba:

Add Comment