La guerra del mondo che ha portato (quasi) ad un punto morto

La guerra del mondo È il film di Steven Spielberg che va sull’onda che sarà, in seconda serata, alle 23.12 su Italia 1. La pellicola è la trasposizione dell’omonimo del 1897 firmato dallo scrittore di fantascienza pozzi HG. Secondo Prossimamenteper Spielberg era fondamentalmente mantenere la parte più importante del film, al punto che dovevo tenere segreto l’aspetto dell’alieno sia al cast di tutta la bella troupe tutte le belle riprese.

La guerra del mondo, la trama

Ray Ferrer (Tom Cruise) è un uomo che lavora come operatore portuale e vive alla periferia del New Jersey. La sua vita è alquanto comune: lavoratore, Ray ha divorziato dalla moglie (miranda otto) e riesce a vedere i figli Rachel (Dakota Fanning) e Robbie (Justin Chatwin) un solo reso al mese. Quando finalmente arriva il momento dello sguardo fisso con la sua figura, qualcosa di incredibile manda all’aria qualsiasi programma. Ray, infatti, se secondo la presenza di una grande nuvola all’orizzonte, dà il piovono delle saette che sono a Grado di mettere a tacere tutte el apparecchiature elettriche e gran parte della tecnologia umana.

Alla ricerca di risposte a questo strano evento, dalle quali escono delle macchine aliene nella capacità di distruggere tutto. Ray, allora, decide di scappare insieme ai figli, dopo aver raccolto del cibo e una pistola per potersi difendere. Quello che Ray ancora non sa è che il suo voyage per la sopravvivenza diventerà una vera e propria guerra, al punto da farla girare per arruolarsi nell’esercito per combattere gli Straniero e scopri la possibilità di salvare la vita della figura.

L’affare Orson Welles

La guerra del mondo di Steven Spielberg non è il primo tentativo di trasferimento dell’opera di HG Wells, non quello famoso. Nella storia, infatti, è rimasto intatto il ricordo della trasmissione fatta dal regista e artista Orson Welles negli anni ’30 che portò gli Stati Uniti sul baratro di un’ondata di panico che avrebbe potuto avere conseguenze catastrofiche. vieni ricotruise Storia, La trasmissione radiofonica in questione doveva andare in onda il 30 ottobre 1938, alla vigilia di Halloween. La radio spettacolo ebbe inizio alle otto di sera, che all’era rappresentava la prima serata dell’era d’oro della radio. Orson Welles ha iniziato con un’introduzione verbale, passando il microfono a un annunciatore che aveva gareggiato con il meteorologo. Un attimo dopo, la stessa voce ha invitato gli ascoltatori ad ascoltare la musica di Ramon Raquello dalla Meridian Room dell’Hotel Park Plaza di New York. La musica viene poi bruscamente interrotta con la notizia che un racconto “Il professor Farrell dell’Osservatorio del Monte Jenning” aveva rilevato strane esplosioni sul pianeta Marte.

A che punto verrò a condividere la musica, solo per interromperla di nuovo per annunciare agli ascoltatori che un meteorite è stato decaduto in un campo di fabbrica a Grovers Mills, nel New Jersey. Presto dalla radio se diffonde la voce di un altro pilota che se è stato modesto sull’impatto e che ha cominciato a descrivere a marziano che fu emerso dalla terra grazie ad un cilindro metallico. “Cielo, cos’è? Qualcosa si dimena nell’ombra, scrofa… scrofa un serpente grigio. Adesso eccone un altro. E un altro. E un’altra ancora. I miei tentacoli seminatori… Adesso rischio a vedere il corpo della cosa. È grande, grande mangia un orso. Luccica mangia il suo fosse pelle bagnata. È… è… Signori, è davvero indescrivibile. Rischio una malapena per costringermi a continuare a tenerlo. È terribile. Gli occhi sono neri e splendenti mangia quelli di un serpente.

Il racconto è proseguito con la descrizione di una macchina a raggi laser che potrebbe richiedere molto tempo nel luogo dell’impatto. Secondo la voce alla radio, gli alieni riuscirono ad abbattere 7000 soldati prima di rilasciare un gas velenoso, mentre altri “cilindri” alieni viaggiarono a Chicago e St. Louis. Orson Welles, con i suoi effetti sonori e grazie a tutta la sua squadra di attori, riuscì a rendere lo spettacolo così realistico da suscitare il panico in chiunque fosse all’ascolto. Secondo storia del cielo, infatti, la paura iniziò a diffondersi per tutti gli Stati Uniti. Nel New Jersey, molti cittadini decisero di intraprendere un viaggio sulle autostrade por cerre un possibile via di fuga, mentre altri intasarono le linee della polizia per chiedere delle maschere antigas. Ci fu ache chi chiamò le società elettriche per chiedere di staccare il servizio affinché gli alieni non vedassero le luci nelle case. Una signora è entrata in una chiesa di Indianapolis mentre era a una Messa e urlò: “New York è stata distrutta. È la bene del mondo. Corri a casa e preparati a morire”.

Molte ricotruzioni degli eventi parlarono anche di come lo spettacolo radiofonico spinse alcune persone a commettere suicidio per sfuggire alla minaccia aliena, ma secondo storia del cielo nessuna di queste ricotruzioni è stata confermata da fonti ufficiali. Quando Orson Welles è venuto a dare le notizie locali e ha visto cosa stava creando il suo programma radiofonico, ha deciso di cambiare la situazione. Ha parlato direttamente nel microfono della stazione CBS, dicendo al pubblico che se avesse avuto a che fare con una delle stazioni radio alla fine. La Commissione federale delle comunicazioni ha indagato sul suo programma, ma non è stato così e la rete ha limitato ad avere un “rimprovero” e un invito ad essere più attenti in futuro. Per Orson Welles, ancora una volta, il programma radiofonico fu una svolta: attirò l’attenzione de Hollywood e pochi anni più tardi, nel 1941, diresse, scrisse e produsse quello che, ancora oggi, considero uno dei film più importanti della storia del cinema, Quarto potere.

Add Comment