Se Ottavio Sgubin ha speso, il pittore degli ultimi

Se ne è andato in silenzio, senza clamore come aveva sempre vissuto, nonostante le potenza della sua arte. Ottaviano SgubinIl pittore degli ultimi, è morto a 81 anni qualche giorno dopo Pasqua nella sua casa di Roveredo in Piano, dove vive con la sua amata Piera e dove vive in studio.

Dipingere è stata la sua vita. Originario di Fiumicello, se si trasferì da anni per amore nel pordenonese. Ha voluto trascorrere gli ultimi giorni con i suoi affetti, la moglie e i figlie Tiziana e Patrizia.

Fu famoso per il suo ciclo sui barboni con opere esposte in tutta Italia, nelle principali stazioni ferroviarie del Paese e nella Basilica di Sant’Eustachio a Roma.

Sempre dalla parte di ultimi, poveri, immigrati e discriminati. Li ha affrontato i miei colori a modo suo, come i suoi amici, don Gallo, don Ciotti e padre Alex Zanotelli.

Lascia anche sorella Marta, che vive a New York, famosa per essere la “tata dei Kennedy”.

Non ha voluto epigrafe, Ottavio, né funerale. Camminava in silenzio, lasciando in eredità la sua arte, quella di un grande maestro.

Add Comment