Brani pop con piatti cinesi e thai. e-cole sushi? Il Jazz

Ascolterò la musica mangiando i piatti giusti, Abbinando note a sapori, apparecchiando la tavola con il sottobosco ideale. Con l’European Song Contest in partenza potrebbe esser utiliza le indicazioni tratte da uno studio realizzato qualche anno fa da Carlo Spenceinsegnante di psicologia sperimentale tuttiUniversità di Oxford. Il professore che è stato mal collaboratore di Ferran Adria e ha inventato “Suono del mare” Piatto da gustare ascoltando un colonnato sonoro che riproduce l’onda del mare, si è indagato sull’eredità del menù e degli spartiti. È emerso che il suono contorno sarebbe in grado di altere il gusto dellcibo che se c’è un piatto e che ho un genere musicale diverso, influenzerà il tuo buon successo per una mattina e una cena, anche davanti alla tv.

Suonare in cucina davanti a piatti abbinati ai suoni (@ansa)

Ecco qualche consiglio da seguire in questa serie di Eurovision. Per apprezzare un brano pop meglio orientasi verse pietanze cinesi o thailandesi. Per godere in pieno di una forchettata di pasta è invece consigliabile ascoltare musica classica e lirica Cibi piccanti e speziati si accompagnano bene al rock, amplificando l’ascolto. Il sushi va invece assaggiato con un sottofondo jazz. In generale, per un fenomeno sinestetico in inverno che è la responsabilità dell’associazione della diversità nella sfera sensoriale, se si può dire che tutta la cucina offre il gusto migliore così come se è legano e suoni più acuti. Bada che più morbidi e rotondi sono ideali con il dolce.

lamaro attira toni più profondi, il salato se associato a un timbro pulsante. Altri generi come il rhythm and blues, l’hip hop e la disco music sembrano che non alterino nessun sapore e quindi vanno bene un po’ con tutte le proposte culinarie.

Mangiare con le orecchie: il suono del cibo diventa concerto

di Giuseppe Calabrese



Secondo altre ricerche, come quella pubblicata sulla rivista Appetito, alcuni generi migliorano l’esperienza con determinati alimenti. Ad esempio, il jazz mette in risalto il cioccolato e il latte. Intanto non ha nessun effetto se si mangiano i pepperoni. Lo champagne invece è apprezzato ancora di più con le note cariche di Tchaikovsky.

Con tutto, l’abbinamento consigliato è, sempre e comunque, l’armonia nel gusto e nell’ascolto, amplificato la qualità del pascolo e la “buona” compagnia. In tutti i sensi.

Add Comment