Continua il viaggio nel racconto del capoluogo, utilizzo il libro di Mario del Marco “Lecce nell’Ottocento”

Continua l’affascinante viaggio attraverso la storia del “Capitale del Barocco” ai tempi delle Grifo Edizioni.

Dopo la Lecce d’altri tempi di Giovanni BodiniLecce negli anni Cinquanta e Sessanta e Lecce negli anni Settanta di Michele Mainardi e il Lecce negli anni Ottanta di Rossella Barlettavedi la luce Lecce nell’Ottocento di cornice mario che ha dedicato un’intera vita allo studio della storia locale, che non emerge mai, in un modo o nell’altro, quando si parla di storia e storiografia della città di Lecce.

Il libro di De Marco, appena uscito nelle edicole e nelle librerie, risercorre le vicende che hanno caratterizzato l’Ottocento leccese: la Massoneria a Lecce e in Terra d’Otranto, il carbonela rivoluzione del 1848, la rivoluzione industriale, gli ultimi Borboni, la Chiesa leccese e l’Unità d’Italia, la vita civile y la società dopo l’Unità d’Italia, i lavori pubblici, l’istruzione, l’infanzia abbandonata , l’industria e l’economia, i syndaci, i vescovi, le opere religiose e civili, gli istituti scolastici, i villini eclettici o freedom, il mercato delle erbe e la sua copertura in ferro, il giardino pubblico, l’elettronica, la lettera e l’arte, la fotografia e la fotografia, la musica e il musicista, il giorno e il giorno.

Il tutto corredato regala un ottimo apparato fotografico che strappa, di pari passo al testo, tutto l’Ottocento.

Add Comment