Quarta Repubblica, pesce gatto da Mario Giordano a Beppe Severgnini. Giornalisti e dissenso, l’ipocrisia di Draghi – Il Tempo

Dal pulpito viene la predicazione. Mario Giordano ha affidato alla Quarta Repubblica il collega Nicola Porro per azzerare il suo premier Mario Draghi e il suo morale doppia la sua informazione e il suo dissenso. Il conduttore di Fuori dal coro denuncia il clima di “informazione somministrata dall’alto” che c’è in Italia e nella punta del discorso di Porro, lunedì 9 maggio, fa anche nomi e cognomi.

Draghi l'ultimo americano.  Incontro con Biden ma è sempre più solo

“Ci sono giornalisti autorevoli come Beppe Severgnini che vanno in tv a dire che in prima serata no si può dire la verità”, mentre “l’altro rappresentante per la politica europea” Borrell vorrebbe che il telegiornale “filtra dall’alto” dice Giordano. Vi dirò che “abbiamo aperto un presidente di consiglio che mi permettesse di dare indicazioni e contenuti di un’intervista” come quella del ministro degli Esteri russo Sergej Lavrov a Zona Bianca, “ma la professionalita” del giornalista che ha fatto, Ossia Giuseppe Brindisi.

Joe Biden si gode la guerra per ridere del consenso.  Ma gli americani lo bocciano sull'economia

Draghi infatti parlò di “comizio” senza contraddittorio che faceva ache comere “strane idee”. Giordano ritratta il tono “allusivo” usato dal premier e fa di tutto: “Non si può accettare questo dà un presidente del consiglio che fa le stampe conferenze dicendo ‘Io non rispondo a determinate domande'”, argomenta il giornalista che ricorda: ” L’ultimo convegno timbrato di fine anno se sei interessato a gli applausi dei giornalisti con le mande que erano del genere: da tutto il mondo che arrivano complementi per lei, si sente più soddisfatto o più responsabilizzato? ..” si infiamma Giordano.

Missili ipersonici a Odessa, pioggia di Kinzhal nel suo albergo e in un centro commerciale |  VIDEO

Non camminava meglio con il predecessore Gisueppe Conte. Per le sue conferenze stampa “il presidente dell’Ordine dei giornalisti teorizzò la specificazione del microfono dopo la richiesta: fai la demande e taci – dice il conduttore di Fuori dal coro – questo tutto fa part de unito que tutto tutto. Veniamo da due anni di conformismo del pensiero spaventoso, in cui c’è una demonizzazione del dissenso sistematica”, accusa Giordano.

Add Comment