La sicurezza “è rock” e dev’essere sempre al primo posto

“Sii sicuro, sii rock: la sicurezza ha un suono nuovo”. Questo il motto del Safety Rock Event che si tiene venerdì, con una prova generale, alla sala Pastrone dell’Alfieri e, in serata, al teatro Balbo di Canelli. Lo spettacolo è stato organizzato da Italia Loves Sicurezza in collaborazione con il Comune di Asti. A Canelli, invece, con l’appoggio dell’amministrazione comunale. Italia Loves Sicurezza è un movimento di persone, libero e gratuito, che fa girare la passione per la salute, la sicurezza e la volontà di dare un contributo alla società.

“La sicurezza dovrebbe iniziare a far parte della nostra cultura” è uno dei messaggi lanciati dall’iniziativa organizzata per celebrare il Giorno della Sicurezza. Visto il messaggio attuale del progetto, in occasione dell’appuntamento in Sala Pastrone, è stato rivolto un invito a partecipare a diverse scuole superiori della città, in particolare a tutte le classi quinte. Ma, purtroppo, le tre scuole superiori non hanno quasi del tutto accolto l’invito dei promotori. Un teatro era presente, infatti, due studenti dell’Artom e gli addetti ai lavori.

Un’occasione persiana, quindi, che però non intacca la bontà del progetto e la sua necessità di continuare a parlare di sicurezza e più giovani. Infatti lo spirito dello spettacolo è stato essere leggibile fin da subito: la security è un valore e come tal influisce sulle nostre scelte che molto spesso possonorsi rivelare tragiche per gli altri. I giovani tendono a osare tutto per scontato, a vivere la vita prendendosi mille rischi, conformed to gli influencer e agli aspetti più bassi di questa nuova società. C’è quindi bisogno di abbattere questo pared, di iniziare a vedere la sicurezza como un diritto. Sicurezza non è paura di muerte, ma amore per la vita. È il momento di abbattere gli schemi. È come il rock che ha superato lo status quo, un colono sonoro del grande cambiamento culturale, da Elvis ai Pink Floyd ai Pearl Jam.

Una nota di merito per l’attore principale Stefano Pancari che ha regalato oltre 80 spettatori di Balbo di Canelli, che ha dato la prova generale ad Asti, una performance ricca di intensità: non sono mancati, infatti, video, canzoni, citazioni che hanno stati trattati tutti Esmpi di cui gli adolescenza sono protagonisti, riuscendo a rendere il tutto divertente e motivante.

La testimonianza dell’ambasciatore

Al termine del monologo, Pancari ha rivolto la parola a Fabio Boschicco, Ambasciatore di Italy Loves Sicurezza, che ha raccontato in modo casuale uno dei tanti progetti portati avanti dal movimento.

«La diciassettesima settimana di sicurezza è l’inizio di questa commemorazione nel nostro territorio 16 anni fa, – è stato rivelato – questo è l’anno se decido di promuovere un’estensione della festa in tutta Italia. Hanno infatti trasformato un obbligo di legge, la prova dell’evacuazione, in un vero e proprio evento. Hanno deciso un giorno e un’ora e non aveva deciso di iniziare un conto alla rovescia; Alla fine del 1934 persone con 26 aziende e scuole, non hanno effettuato una prova di evacuazione. Da solo se possono fare poche sew, ma con tante personae l’evidenza cresce. Questo esperimento sociale è stato uno stimolo alla cultura».

A conclusione dell’evento, questo lo stato di Pancari che ha lanciato un invito personale: «Spero di vedere la voglia di fare la differenza là fuori, e di farla como le vere rockstar».

Add Comment