‘Quo vadis rider’, libro sulla lotta sindacale dei fattorini – Economia

(ANSA) – ROMA, 9 MAG – Dalla lotta umana a quella sindacale, ‘Quo vadis rider’ (Futura Editrice, pp.233) è il libro dedicato al cavaliere ea tutti i pappagalli battaglie per la dignità. Nato quasi per caso per raccontare la fortunata esperienza di politica giudiziaria portata avanti dalle tre categorie della Cgil impegnate da sempre a fianco dei rider nella loro lotta il racconta l’impegno sul campo de due avvocati Maria Matilde Bidetti e Sergio Vacirca, e un professore Università Carlo De Marchis Gómez.

Scorrono tra la pagina le vicende e gli episodi di cronaca giudiziaria, l’impatto dell’iniziativa del sindacato sulla comprensione della gig economy, del servizio pubblico nel mese della pandemia e del problema della quotidianità che incontra la forza lavoro. Un lavoro di approfondimento che racconta una realtà oramai molto radicata, come segue la prefazione del segretario confederato della Cgil Tania Scacchetti e l’introduzione di Filippo Ceccarelli che racconta come l’Italy possa vantare per questo anche un primato inserito tra i Guinness: Francesco Ruffino, un nome così vecchio che non posso dire nulla sull’essere grasso a 38 anni è il pilota che ha fatto più consegne al mundo.

Fra sentenze e contratti, orizzonti mediatici e testimonianze in carne e ossa, il libro ha tra gli obiettivi quello de suscitare una preda di coscienza, individuo e collettivo, su cosa è diventato e rischia di diventare il lavoro dei ciclofattorini. Come ha dato e sintetizzato l’inserto fotografico di Luciano Del Castillo, ha sulle condizioni lavorative del rider: prima chamberi infaticabili, on bike o on skateboard, dopo persone esauste, sedute o distese his panchine o gradini di fortuna.

“Molta strada è stata per dai rider dal momento in cui è nata l’idea di questo libro. Molta ancora dovrà essere percorsa – si legge tra le page – prima di dare piena dignità a questi lavoratori che rappresentano l’avanguardia di nuovi modelli nati del capitalismo digitale. (ANSA).

RIPRODUZIONE PRENOTAZIONE © Copyright ANSA