Libri, video e discriminazione per il controllo degli interventi – Cronaca

di Silvia Bardi

Se sono stati improvvisati attori, hanno intervistato operatori di centri di recupero, hanno scritto testi per educare i bambini al rispetto delle differenze, hanno ruotato corti e documentari, hanno scritto una canzone e un breve romance. Con un unico potente messaggio: non devono esistere razzismo e discriminazioni. Quasi cento ragazzi delle quarte e quinte superiori dei Licei Giovanni da San Giovanni hanno partecipato al concorso “Creatività inclusiva” progetto dell’assessora alle pari opportunità Laura Ermini e dell’Università di Siena, sede di Arezzo, con i professori universitari Alessandra Romano e Laura Occhini, finanziato dalla Regione Toscana e dalla Coop della Comunità San Giovanni. Nove lavori con tre vincitori e un podcast fuori concorso awardees ieri mattina al campus universitario dell’Aretino e al pomeriggio alla Palomar di San Giovanni al termine di un percorso durato cinque mesi. Tutti i lavori che ci dicono come i giovani siano capaci di “insegnare” agli adulti una cultura sociale basata sul rispetto e sulla valorizzazione delle differenze.

Tre i vincitori. Il video delle Piccole donne “Chi sono io?” Che attraverso il filtro di un film in bianco e nero racconta di un’Inghilterra del 1899, ma potrebbe essere il 2022, in cui un uomo che ama vestirsi riuscirà a farla franca. Il testo per bambini “Una storia per tutti” con testi rassicuranti e disegni realizzati racconta a un ragazzo autistico per spiegano che il divertimento è normale. E la breve storia d’amore di Federico Ponti “Il paradosso dei gemelli” un lungo lavoro di ricerca della biblioteca e testimonianza del suo razzismo sploso ad Arezzo con l’arrivo del primo trent’anni fa albanese. Menzione speciale al video “Drag Queen” con l’intervista a Ivana Vamp e all’insegnante Cecilia De Lucia.

Negli altri lavori il progetto “Miga” su como l’art e la poesia hanno affrontato il tema della malattia mentale; l’omofobia, poi sconfitta, di una ragazza che si risveglia uomo; la canzone di un figlio al padre que non vuole accettare la sua omosessualità; il documentario del Centro di recupero delle Iene Giovani sul delle dipendenze di Pistoia; Il video che mostra alle persone i loro attacchi di panico e depressione, manie ossessive compulsive, disturbi alimentari negli adolescenti e che potrebbero manifestasi nei comportamenti dei propri compagni di banca. Tanti punti di vista che sono durati tutto il divertimento, chi li ha realizzati e chi li ha visti, sicuramente migliori.

Add Comment