Tinto Brass, audace confessione di Stefania Sandrelli

Tinto Brass ha parlato con Stefania Sandrelli, protagonista di uno dei suoi film più famosi, La chiave.

Tinto Ottone, a volte nella mostra Brass mon amour in scena a Lucca fine al 12 giugno, ha parlato Stefania Sandrelli. L’attrice è la protagonista di uno dei suoi film più famosi, La chiave. Il regista ha riservato belle parole, seppur bollenti, alla sua musa.

Tinto Brass elogia Stefania Sandrelli

A Lucca, precisamente nei pressi di Villa Bottini, andrà in scena lo spettacolo Brass mon amour il 12 giugno 2022. L’esposizione, allestita in occasione del Photolux Festival, vede come protagonista Tinto Brass. Il regista è considerato il più grande oratore d’amore, il più grande maestro vivente dell’eros. Durante la presentazione dello spettacolo, aveva riservato una bella libertà vigilata Stefania Sandrellida lui scelta nel lontano 1983 per interpretare il film La chiave.

Tino Brass: la parola di Stefania Sandrelli

Brass, parlando di Stefania, ha autorizzato:

“Lei è stata una grande attrice, era pura prima di recitare con me. Cosa ho fatto? Ho semplicemente tirato fuori ed esibito la sua carica sensuale. (…) Era perfetto nella cerchia del protagonista, se si vedeva senza pudore e fortemente determinato a fare il film durante il periodo”.

La Sandrelli ha contribuito a rendere il tasto uno dei film erotici più apprezzati dell’epoca. Non a caso, Tinto ha aggiunto:

“Stefania ha un altro grande merito. Non mi ha mai rinnegato, ha sempre profeso ‘La chiave’ ferocemente, con l’orgoglio di aver dimostrato alle sue colleghe di saper recitare ache con il c**o”.

L’arte di Tinto Brass

Autore dell’autobiografia una passione liberaScritto con la giovane Caterina Varzi, Tinto ha descritto la sua arte:

“L’eros è pubblicazione, cioè il rifiuto dell’ipocrisia per mestiere e del perbenismo di destre e sinstre. Non solo, anche l’Affrancamento dall’arroganza del Potere, la ribellione alla paura che spegne i sogni e si porta via la speranza”.

Add Comment