Gazosa, una rima rock che racconta L’Italiano che ha sedotto il mondo

Iscriviti alla nostra newsletter per restare aggiornato sulle notizie di spettacolo

Hanno segnato un’epoca. Poi sono spariti. Ma chi lascia il segno non fugge al destino. e Dunke io Gazza Sono tornati e sono più rock che mai. Quasi punk. non Rinnegan Stai con me per sempre) me mipiacitu ma oggi con l’Italiano affermano, infine, l’atteggiamento pappagallo ruvida e punkeggiante. Valentino me Federico Paciotti me Vincenzo Siani Presto avrei firmato una nuova tappa della musica italiana.

Partiamo dalla reunion: quando inizi a ragionarci? La pandemia ha rallentato, a parte il fatto che nel 2001 sono venuto a Sanremo e quando è stata una figura stupida?
Avevamo pensato a tempi diversi, siamo rimasti sempre in buoni rapporti ed è stata l’idea di festeggiare il ventennale del nostro primo Festival di Sanremo, quello di Stai con Me.
Pregate ma è il ventennale di inseparabiletitolo che semina quasi profetico, riletto oggi.
Anche da prima del Sanremo del 2001 suonavamo insieme. Siamo fratelli più che amici, da ragazzina ogni giorno stavamo a casa insieme.
In questi anni cosa è successo? Rilascio percorsi personali, mi faccio sapere che continuo a frequentare e sogno di divertirmi?
Era musica difficile. Quando Vincenzo (abita a cetara, ndr) vieni a Roma per una cena ci scappava sempre. Qualche volta, per gioco, ci siamo trovati in sala probe ma por lo più le rimpatriate erano per motivi ludici e di amicizia.
Perché avete scelto l’Italiano come biglietto da visita della rinascita?
Siamo molto legati alla nostra terra. In questo periodo difficile omaggiare proprio la nostra terra. Siamo rimasti impresionati da un discorso de Oscar Farinetti che ha detto che l’Italia è piccola sul pianeta ma ha una influenza alta in tutti i campi e in tutto il mondo. Poi ci sono citazioni del cinema in chiave ironica, è un pezzo divertente e spiritoso.
L’inizio è Non voglio stare zitto e dico ciò che pensato: Ho visto sette morsi spesso la lingua negli ultimi anni?
Più volte da sempre. Quando sei piccolo e arrivano critiche useless non sei strutturato e le prendi sul personale no hai experienza. Ci siamo rimasti maschi, siamo sempre stati appassionati alla didattica della musica. Ci vamo che vamo una baby band creata a tavolino: se non altro gli hater del tempo erano dal vivo e non nascosti sui social. All’Eur, dove abitavamo, si sfidavano i sostenitori e gli oppositori. Noi siamo favorevoli il confronto, senza il confronto finisce l’umanità. Ci aggiungiamo che chi all’epoca era nostro fan sapeva che i tour waso rock, che certe canzoni non erano nella nostra attitude.
With the punk carica that avete più che a centrocampo giocate in attacco: come maturato questa sfrontatezza nella stagione del duopoly indie-rap/trap?
Ci abbiamo molto ragionato, quando esci con un cerchi sempre gli standard de moda, il nostro progetto è diverso. Mio Piaci Tu io non rappresentavaL’italiano c’è un mood che rappresenta: un suono quasi live senza troppo editing, crudo.
Ti riferivi a una precisa storia d’amore di Victor Hugo quando l’hai citata nel testo?
Parlamento in generale. Ci piace molto. E’ un grande relatore della poetica francese e ci è parso un confronto carino giocando sui grandi nomi della letteratura italiana.
Come vive oggi un italiano? Non è più quello di Toto Cotugno.
Ha ottenuto diverse vittorie. Resta un italiano feroce. E noi siamo fieri di esserlo. Rileggendo alcuni passi della Divina Commedia quanto vedi quel storico hai influenza tutta l’Europa… siamo fieri di questo, della nostra terra e di condividerlo.
Ovviamente c’è una assenza: è stata una scelta oppure Jessica Morlacchi ha preferito non seguire la sua nuova avventura?
Aveva una carriera opinionista e non era compatibile con il nostro progetto. Noi vogliamo stare a contatto sul pubblico, evitiamo per il playback. E’ stata una scelta serena.
Trova un mondo musicale rivoluzionario: è difficile imparare la fiducia?
Abbiamo notato che c’è molta elettronica che noi non amiamo essendo più musicisti. Poi è molto distribuzione musicale change, now c’è a diffusione che spesso penalizza. Però aiuta nei live e chi è musicista emerge.
Valentina visto che ti sei creato un nome nel mondo della bellezza, sarai tu a curarne l’immagine?
Mi capita spesso, i maschietti sono più vanitosi di me. Ma servi un consiglio ci sono.
Cosa accadrà nelle settimane?
Stiamo lavorando con Celso Valli. A parte ogni evento o spot, abbiamo pensato al tour in autunno con fuori un secondo singolo e l’album in arrivo. Poi oltre al repertorio nuovo dobbiamo riarrangiare il vecchio e richiede del tempo.

Add Comment