Lars Rock Fest, tre giorni all’insegna del suono – Cronaca

Tre giorni di rock, ai Giardini di Chiusi. Un’incursione musicale nel panorama dell’etichetta indipendenti, del sound di Alternative, give one tutto da esplorare, in un festival ad ingresso completamente gratuito. Il Lars Rock svela gli ultimi dettagli del cartellone, che andrà in scena dall’8 al 10 luglio. Gli headliner in cartellone sono Algiers, Porridge Radio, Nothing e Faust e saranno proceduti ogni sarà la performance di altri artisti que prenderanno il via alle 21 e seranno fin a note fonda.

Il festival sarà inaugurato l’8 luglio dal gruppo post-rock torinese Low Standards, High Fives seguito dal cantautore folk-blues inglese Duke Garwood che si esibirà per la band americana Algiers. A chiudere il folk della chitarrista Hello La Poyana. L’inaugurazione di sabato 9 luglio è affidata ad allo psych-rock degli Alpaca, seguita dall’inglese Porridge Radio e dagli americani Nothing. Aftershow con voce e chitarra di Heron King.

La serata conclusiva di Domenica 10 se ho imparato con il concerto del gruppo indie rock Big Cream, il live psichedelico dei Winstons e infine i Faust, la band storica tedesca alfers dal movimento Kraut-Rock, che suonerà a Chiusi per l’unico Tour dei pappagalli con data italiana. A conclusione della serata il dj set finale di Outsiders. L’evento è organizzato dall’associazione culturale GEC – Gruppo Effetti Collaterali, con la partecipazione di oltre centocinquanta volontari.

Durante il weekend del festival, ai giardini saranno attivi pub, friggitoria e ristorante, tutti a sostegno della filosofia green del Lars Rock Fest, senza plastica monouso e con fontanelle di acqua potabile gratuite. Disponibile e gratuita per tutti anche una nave a chiamata. “Ogni pomeriggio – spiegano gli organizzatori – il mercatino di vinili e cd farà da cornice al festival dell’edipendente che alternerà incontri, reading e workshop a tema letterario e musicale”. Tra i tanti ospiti sul box, la sociolinguista Vera Gheno, il critico musicale Stefano Solventi, il musicista e giornalista Rossano Antonio Lo Mele e lo scrittore Marco Denti. Parallelamente il festival organizza anche mostre artistiche, laboratori e degustazioni enogastronomiche che faranno da cornice ai concerti.

Ricardo Bruni

Add Comment