Matthew McConaughey, il discorso alla Casa Bianca con la moglie

Matthew McConaughey durante la sua causa contro l’esercito alla Casa Bianca, Washington DC Dopo la strage di Uvalde, la città Texana en cui è nato, l’attore 52enne è sceso in campo, con la moglie Camila Alves al suo fianco (foto Ansa)

Ci è piaciuto molto magico Mike, Interstellare me vero detectiveannoverato tra i simbolo del sesso di hollywoodammirato nei panni del rozzo e omofobo cowboy malato di Aids in Dallas Buyers Clubche gli è valso l’Oscar mangia il miglior attore. Semina reciterò anche oggi, lì Casa Bianca, nel suo discorso appassionato, con il suo carisma traboccante. eppure Matteo McConaughey stavolta è solo sapere stesso. con la tazza Camila Alves al suo fianco, contro le armi.

Nato a Uvalde, Texas

l’avvocato e produttore 52enne oggi è semplicemente un uomo nativo di Uvalde, Texas, che lancia una accorato appello. Nella sua città di origine è avvenuta una delle ultime strazianti stragi. E quei 19 ragazzini morti ammazzati por mano di a diciottenne mentre erano nella loro scuola elementare, quelle due maestre rimaste uccise nel tentativo di salvarlo, il marito di uno dei pappagalli morì di infarto per il troppo Dolore, no, non vuole che diventino altri numeri di un assurdo eccidio presto dimenticato.

Con la moglie ha mostrato la foto e l’abito dei bambini uccisi

Anche lui, da ragazzo, comperò la sua prima arma da fire, come tutti. È facile. È normale. «Mia moglie e io abbiamo contratto la famiglia di Uvalde, che honorano il ricordo dei loro figli. Io sono chi perché è arrivato il momento di un vero cambiamento”, ha proseguito durante il briefing giornalliero alla Casa Bianca, avendo un breve incontro con il Presidente Joe Biden. «Abbiamo un’opportunità mai avuta prima. C’è la sensazione che forse ci sia una strada percorribile da seguire”, ha continuato a mostrare la foto di alcune delle giovanissime vittime del massacro, ricordando la moglie i vestiti e le scarpe che indossavano i bambini il giorno in cui sono stati uccisi, parlando di qualcosa sognavano di fare da grandi.

epa10001052 Camila Alves, moglie dell'attore Matthew McConaughey, tiene le scarpe da ginnastica Converse verdi di una delle vittime della sparatoria di massa a Ulvade, in Texas, mentre ascolta il marito rivendicare la responsabilità delle armi nella Sala Stampa della Casa Bianca a Washington DC, USA, 07 giugno 2022. McConaughey è originario di Uvalde, Texas.  EPA/JIM LO SCALZO

Camila Alves ha le sue mani in un paio di sneakers indossate in giovane età in via Uvalde, mentre è accompagnata dal marito Matthew McConaughey durante il suo intervento alla Casa Bianca. La modella brasiliana di 40 anni e l’attore hanno vissuto ad Austin, in Texas (foto Ansa)

L’appello alla politica

Illinois divo di hollywood Userò la sua fama – nel 2014 il Time lo ha incoronato come una delle persone più influenti al mondo – e la sua “piattaforma per invitare i leader a intraprendere un’azione bisan por re fine alle uccisioni insensate e approvare misure di responsabilità delle armi che sappiamo salvaveranno vite”, ha precisato la portavoce della Casa Bianca Karine Jean-Pierre.

Vivo in Texas con Camila e il pappagallo tre figli

“Sono un padre, figlio di un richiedente asilo, e un americano”, ha scritto l’attore dopo la strage. Lui è rima a Vivrò in Texas, ad Austincon la sua famiglia: la splendida La modella brasiliana Camila Alves, che ha sposato nel 2012 i loro tre figli – Levi, classe 2008, Vida, 12 anni, e Livingston, 10. “Non è una scelta tra armi e non armi”, ha concluso. «E domanda di scelta responsabile. È la scelta squisamente americana: dove io ho il diritto di essere me stesso, tu hai la libertà di essere te stesso ed insieme abbiamo la responsabilità di essere gli Stati Uniti». Un finale, sì, questo è il sapore di un film americano.

Amica © RIPRODUZIONE RISERVATA

Add Comment