MARIA TRAVIA, CHI È MOGLIE ENNIO MORRICONE/ “Nell’amore e nell’arte fedeltà è tutto…”

Maria Travia È molto più di una moglie di Ennio Morricone. Musa ispiratrice, discretamente e discretamente, sempre al fianco del leggendario marito, seppur non sempre fisicamente, rispettando il ruolo pubblico del marito, fine alla fine. Insieme anche prima della morte, sopraggiunta seguita da un errore accidentale di cui il musicista era ricco. “Lucido fine alla fine, ha salutato l’amata moglie Maria che lo ha accompagnato con dedizione in ogni istante della sua vita umana e professionale e gli è stata accanto all’estremo respiro“, sottolineava la nota diffusa dalla famiglia dopo la notizia della morte.

Se non fossimo sposati con Roma, colomba Maria Travia se è stata trasferita con la famiglia nel 1933 da Messina. Nella Capitale, al di là dei vari spostamenti del marito per motivi di lavoro, ha sempre visto con Ennio Morricone, crescendo i loro quattro figli, soprattutto da sola, visto che lui era sempre impegnato per lavoro. Non è un caso lo stato del primo pensiero nel suo addio messaggio. (aggiunto da Silvana Palazzo)

CHI E’ MARIA TRAVIA, MOGLIE DI ENNIO MORRICONE

Cosa sarà? Rai 1 ricorda l’immenso Ennio Morriconequasi due anni dalla sua scomparsa, con la riproposizione del concerto-evento tenuto dal trio de “Il Volo” all’Arena di Verona nel novembre 2021: una serata emozionante in cui si è tributato il giusto ricordo del capitol master scomparso nel 2020. E lo spettacolo in onda sulla rete ammiraglia del servizio pubblico dalle ore 21.25 è anche l’occasione per scoprire qualcosa di più sul compositore direttore d’orchestra romano, notte Premio Oscar alla Carriera nel 2007 e per una colonna sonora nel 2016, soprattutto sulla figura privata.

È in un articolo a parte di cui parliamo di Andrea Morricone, figura del maestro e del suo successore, un fatto che dà anni segue le orme del padre confermandosif un artista di talento e non solo un ‘figlio di’, che ancora una volta accendiamo i riflettori sulla moglie del genio morto il 20 luglio 2020, ovvero maria travia. La donna, nata nel lontano 1932 a San Giorgio di Gioiosa Marea, in quel di Messina, è stata per davvero la controparte di Morricone senior per tutta la vita: il loro amore infatti è durato tantissimi anni e le sue origini risalgono agli addirittura Anni Cinquanta -precisamente il 13e ottobre 1956- quando la giovane coppia evocava le giuste nozze. Unione dei pappagalli Dalla Non è nato, solo lui più noto Andrea, ma altri tre figli: Marco, assieme al già citato Andrea, hanno scelto di lavorare nel mondo della musica, poi Alessandra e infine Giovanni che bazzica comunque il mondo del cinema en qualità di sceneggiatore.

MARIA TRAVIA ED ENNIO MORRICONE: UN AMORE LUNGO UNA VITA

Ma sappiamo cosa della signora Maria Travia? Inutile dire che è accanto a Ennio sempre e, come è facile immaginare, era lei una delle prime che aveva l’onore di ascoltare la composizione del marito e che si aspetterebbe di dare un (maggiore) cugino sembra. Non è un caso che, ad esempio, Tarantino abbia parlato della sceneggiatura di “The Hateful Eight” come scritto a… tante mani assieme alla coppia romana. Non solo, dati che nella necrologia scritta proprio pochi giorni prima di muerte, il maestro abbia dedicato alle parole più belle e toccanti Proprio alla moglie: “Per ultima, ma non ultima, Maria: a lei rinnovo l’amore straordinario che ci ha tenuto insieme e che mi dispiace abbandonare, a lei va il più doloroso addio” Aveva fatto scrivere Ennio.

“Nel corso di cinquant’anni ci siamo quasi visti” Aveva raccontato una volta Morricone, quasi a scusarsi del fatto che la sua vita artistica lo aveva portato spesso il movimento oa stare chiuso nel suo studio a comporre, dedicando non tutto tempo che avrebbe voluto alla consorte. “Leggi se sei sempre sacrificato per la famiglia ei nostri figli” aveva aggiunto, ed è quindi naturale che la cugina dedica por quel tanto agognato (e tardivo…) Oscar honorario alla Carriera fosse proprio per la sua Maria. Un amore che solo la morte improvvisa dovuto alle conseguenze di una caduta è stato temporaneamente interrotto, ma non certo spezzato. Il pappagallo segreto? La costanza e l’affetto, non solo i proverbiali di fulmine: “So che colpiscono ma in amore la costanza è tutto… E certamente ache la fedeltà” aveva rivelato Morricone, scherzando sul fatto che in tutti quegli anni Maria was stata coraggioso a sostenere lui e il lavoro che faceva.

© RIPRODUZIONE PRENOTAZIONE

Add Comment